Caldo d’autunno

Per una visione completa occorre cliccare in uno dei cerchi. 

Uno sguardo all’indietro

Lei: Ma che fai? Stai con l’occhio attaccato allo specchietto? Guarda avanti, piuttosto.

Lui: Ma non vedi che siamo in coda? Siamo fermi, colgo l’attimo che passa attraverso quello che mi restituisce lo specchietto ;)

 

SACRIFICIO E RINUNCIA

Ci sono parole che accompagnano la nostra esistenza in maniera errata, perché allontanate dal loro significato primordiale. Una di queste parole è sacrificio. Viene usato ed abusato in ogni luogo, confondendolo con la rinuncia a fare qualcosa o a compiere una determinata scelta.

Al sacrificio si attribuisce un ruolo di scambio per le rinunce sopportate e le frasi diventano “ho realizzato tutto questo a suon di sacrifici”, mentre sarebbe più opportuno dire che lo si è fatto a suon di rinunce. Già la parola di per se è composta da due parole: sacro e fare, che capovolte rendono meglio l’idea delle radici latine, ovvero fare sacro, far diventare sacro qualcosa di materiale. Non a caso agli dei venivano sacrificati agnelli e colombe. Poi si è arrivati ad accompagnae la parola sacrificio all’aggettivo estremo, tipico dei gesti eroici. Estremo sacrificio che comunque sottintende il plauso divino, anche se in sua assenza ci si accontenta di quello istituzionale o di vicinato umano.

A questo punto è palese la dicotomia dei due termini, la loro netta separazione: il sacrificio ha carattere divino, la rinuncia ha carattere materiale, come tutto ciò che facciamo e possediamo. E’ nel momento in cui il nostro ego si esalta, attraverso gli atti o al suo opposto la rinuncia a compierli, che ci fa sentire immensi, come fossimo il penitente che si infligge il supplizio del cilicio. In quest’ultimo caso il senso di sacrificio è tale in quanto il penitente entra in comunione con l’umanità che soffre, messaggio insito nella fede cristiana, in quanto nella crocifissione di Cristo, Dio si fa carne per capire la sofferenza degli uomini e quindi se sono penitente e soffro, comunico con Dio attraverso il dolore, magari per chiedergli una grazia.

Aver sostituito il termine rinuncia con sacrificio fa subire all’atto della rinuncia un salto di qualità divina. Ma la rinuncia a qualcosa di materiale è solo un atto materiale, anche l’atto di sacrificare la vita di un agnellino (tanto soffre solo lui, povera bestia) è un atto materiale, ciò non toglie che rinunciare è una scelta e come tale può diventare uno scudo di difesa, ma anche causa di conflittualità interiore.

Lettera ad un giovane precario.

popof1955:

Ho trovato questa lettera molto bella e ben fatta, una di quelle cose che avrei voluto scrivere e visto la possibilità che dà word press di rebloggare lo utilizzo volentieri :)

Originally posted on Un po' di mondo:

Foto

Foto “san precario 2013″ by gian maria garuti – flickr

Caro giovane precario,

mi chiamo M. sono un quasi cinquantenne e potrei essere tuo padre. Sono uno di quei lavoratori assunti a tempo indeterminato con ferie, maternità, malattie e tutela dell’articolo 18 e lo sono semplicemente per motivi anagrafici:  quando sono entrato nel mondo del lavoro tutti entravamo così, tutti avevamo gli stessi diritti e la parola uguaglianza aveva un senso (ricordi di aver studiato il motto: Liberté, Égalité, Fraternité?).

Oggi i media e tutto il potere politico/finanziario, con la questione dell’articolo 18, vorrebbero mettere voi giovani precari contro  noi lavoratori a tempo indeterminato facendoci apparire ai vostri occhi come dei privilegiati. Vorrei ricordarti che quelli che, in perfetta malafede, vengono dipinti come privilegi sono in realtà diritti dei lavoratori, conquistati con dure lotte dalle generazioni che ci hanno preceduti: i miei genitori e i miei nonni (per te, rispettivamente…

View original 498 altre parole

Sesto San Giovanni, Quinto Romano, Quarto Oggiaro …. Secondo Matteo, Primo Maggio

Cattura3

Cercavo via dei Lavoratori a Sesto San Giovanni, una delle periferiche città satellite di Milano, confini invisibili con Cinisello Balsamo e se cerchi un numero civico non sai se sei nell’una o nell’altra città, non basta dire al navigatore che cerchi il 41, quello lo ha Renzi mentre tu lo porti allacciato ai piedi con le scarpe. Percorri la strada in macchina, vedi passare le vie e i confini indecifrabili mentre Guedalina ti dice di svoltare a sinistra in via Pellizza da Volpedo. A quel punto benedici il navigatore che ti tira fuori dagli impacci e ti fa un massaggio mentale: Pellizza da Volpedo è quello di Quarto Stato e Via dei Lavoratori ormai è vicina, una finezza toponomastica che solo una città con un susseguirsi di giunte Rosse poteva inventarsi Così passi anche per via Voltaire e sorridi tra te e te pensando a quella frase letta da qualche parte “Ama la verità ma perdona l’errore” , in quel momento la radio cronaca di RP (Radio Popolare Milano 107,6 FM) trasmette il dibattito della direzione del PD sull’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, solo che sei arrivato, il Polo Geriatrico Riabilitativo ti sta di fronte, ironia della sorte sta parlando D’Alema, così capisci che se c’è lui a difesa di un diritto quel diritto si perde. Voltaire, Pellizza da Volpedo e i Lavoratori alla fin fine son stati solo una via di transito per il centro geriatrico, e D’Alema parla ancora.

Flessibilità in uscita

Guardando le statistiche del mio blog ho visto che parecchie erano indirizzate ad un post dal titolo “Chi ha la febbre da articolo 18?”. Me lo sono andato a rileggere e l’ho trovato ancora attuale essendo ripartito l’attacco alla reintegrazione nel posto di lavoro quando lo decide il Giudice, aggiungo qualche altra considerazione, alla luce di quanto avviene e non sviluppata in precedenza.

Che si sia tornati a dibattere di articolo 18 oggi però è un segnale che la riforma Fornero è una patacca generazionale che ha smantellato anticipatamente il regime solidaristico delle pensioni, e non sapendo come venirne fuori attacca frontalmente le tutele dei lavoratori.

Attualmente in Italia si ha meno ripresa che altrove in Europa in quanto avendo ormai messo in pentola tutte le riforme possibili per l’ingresso flessibile nel mondo del lavoro si è al tempo stesso creato un tappo generazionale che non consente lo smaltimento dei lavoratori attraverso il loro pensionamento. Sempre più vecchi al lavoro con tutti i problemi annessi e connessi. Per il sistema è diventato gioco forza dover creare una flessibilità in uscita, una flessibilità che si possa tradurre nella possibilità di licenziare più gente possibile senza grandi oneri aggiuntivi e senza possibilità di reintegro lavorativo. La speranza ultima, è che vengano rimpiazzati dai giovani assunti flessiblimente (o senza impegno di durata), insomma garantire quel ricambio generazionale necessario per tornare a far riempire i carrelli della spesa, quello che prima veniva garantito attraverso le pensioni, quello che, se le guardiamo attraverso un altro punto di vista, era una forma di distribuzione del reddito (per creare altro reddito, se tutti avessero pagato le tasse).

Sarà poi così davvero? Sarà questo l’obiettivo della classe dirigente? Non credo. L’incapacità imprenditoriale dei nostri detentori di capitali e di potere non si risolve con l’eliminazione di quelli che si considera un peso. Conviviamo in un sistema gerontocratico che comincia nella politica e finisce nei consigli di amministrazione. Un popolo di vecchi asserragliati sulle loro poltrone pronti ad eliminare altri vecchi incapaci o impossibilitati a lottare (e i giovani costretti a mendicare un lavoro), così il potere gerontocratico cerca il mantenimento del suo status non avendo la forza fisica di continuare ad opporsi a lungo alla spinta dei giovani che oggi annaspano. Giovani che si fanno mantenere ma quando avranno 40 anni saranno in grado di fare ancora casino se saranno senza prospettive perché i genitori che li han mantenuti cominceranno a passare a miglior vita. Quegli stessi genitori che hanno investito nel futuro dei figli dandogli una casa piuttosto che una bottega, perché il mattone paga e intraprendere è rischiare, che la tassazione si sposti sempre più dai redditi alle rendite è il minimo che ci si possa aspettare.

Rijeka (Fiume) ha necessità di un mare di gente e di luce

Rijeka (Fiume in italiano) prima l’ho notata sulle mappe perché città di grandi dimensioni, poi nelle guide l’ho ritrovata come meta turistica o quantomeno città che meritava una visita. Dopo averne visti i contorni da lontano, ho notato subito le decine di grattacieli sulle colline: torri anonime con una vista stupenda sul golfo del Quarnero e le isole che lo racchiudono. Inizialmente l’avevo anche scartata come meta, poi è finita che ci son stato più volte.  Come ogni grande città ha diversi centri commerciali. e quest’estate Rijeka è diventata meta abituale visto che era vicina al mio luogo di vacanza e che le giornate di sole si son potute contare con le dita di una sola mano. In ogni caso è stato duro cancellare il limite della prima impressione destata già qualche anno fa, di città non bella, con la tipica architettura a patchwork delle città industriali e portuali, in cui l’occhio viene violentato ogni cento metri da architetture pugilistiche unite  a quel senso di vuoto desolante che una città sa dare la domenica, quando chiude le palpebre abbassando le saracinesche. Approfittando di una fresca e soleggiata giornata estiva infrasettimanale, ho deciso di tornarci per non arrendermi ad un ricordo plumbeo, un poco come volerle dare ancora una possibilità per cambiare idea. Vedere  una città durante un normale giorno di lavoro, per di più vestita a festa, è diverso, la rende viva,  così con tanto sole e tanta gente,  e qualche inquadratura gonfiata, alla fine son riuscito a portare a casa un buon ricordo, perchè Fiume per essere viva ha proprio bisogno di un mare di sole, quello che la gente sa dare. 

 

 

Curiosando dietro le quinte (e non solo)

Anche quando piove, nell’orto i colori splendono

Agosto, inizio d’inverno

Lentamente l’estate se ne va via, come le nubi che passano lasciando uno strascico di pioggia e qualche tuono.

“Agosto, inizio d’inverno” era l’osservazione benevola della nonna che giocava d’anticipo sul tempo: dalla sua parte aveva la forza dei proverbi, una statistica popolare tramandata di bocca in bocca, suffragata dai fatti, come in queste foto delle recenti estati:

 

 

Festival del Pastoralismo - Terre d'Alpe

la città incontra la montagna

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza scrupoli

Ventefioca

Camminate, montagne e pensieri sparsi di un "piemontard pressé"

La Audacia de Aquiles

El Mundo Visible es Sólo un Pretexto

My Life

... A little bit of everything ...

On the Go with Lynne

travel memoirs and musings

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Scorci girovaghi

Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore

Emozioni in immagini

Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde. (A. Baricco)

Cinzia Bassani

"Non dimenticare di vivere con il tuo cuore in mezzo agli uomini per scoprire il Dio che c'è in ciascuno. Tashi Namgyal Gyalpo"

maria rosaria

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Futura Psi

il blog di una studentessa

La pagina di Nonnatuttua

Just another WordPress.com site

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

La vita è bella

diario semiserio e surreale di vita vissuta

ingaphotography

What I see through my camera

Bente Haarstad Photography

This site is mainly about pictures, from the middle of Norway. Click a picture to read posts.

mariella

Just another WordPress.com site

La disoccupazione ingegna

Sono disoccupata, sto cercando di smettere. Ma non mi svendo

luciabaciocchi

“Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere” Daniel Pennac

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

Katrina Perkins

A force of Nature, with intense acting skills.

cucinaincontroluce

il mio mondo in uno scatto

domenica luise

parole dal silenzio e colori dal buio

IL MIO SGUARDO

Frammenti della mia realtà - Come guardo il mondo

~ gabriella giudici

blog trasferito su gabriellagiudici.it

Amore dipendente

Io non vivo senza te?

La moleskyne di FarfallaLeggera...nera con il cuore rosso.

nessunaidea

l'angolo di Mauro

supercaliveggie kitchen

I sapori della California, i saperi del Mediterraneo

Storie di pascolo vagante

Storie di pastorizia nomade, di allevatori, di alpeggio

GIAPPONE FIORITO 日本の花

PICCOLO DIARIO DI VIAGGIO IN GIAPPONE 14 - 30 agosto 2012

Wolfgang M. Präsentiert

Willkommen in unseren Blog.

spinanelcactus

con personalità multiple

lastufaeconomica

un mio spazio per stare con voi

ci sono

l'acqua troppo pura non ha pesci

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

milena edizioni

Casa Editrice (milena.edizioni@gmail.com)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 312 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: