Baby slot-machine

Ho appreso attraverso un blog che in un parco giochi di Firenze sono state installate delle mini slot machine per bambini, tecnicamente Baby Slot. La notizia è reale, la riportano anche alcuni quotidiani locali e su you tube c’è la video intervista che fa da cappello a questo post. Alcuni genitori esprimono la loro indignazione nei confronti di chi ha autorizzato apparecchi con le scritte tipo “gioca e vinci” o “sfida la fortuna”. Oggi, leggo che le macchinette sono state rimosse.. Nel frattempo approfondendo l’argomento, leggo che non in un padiglione per l’infanzia del comune di Firenze ma in due (quello del Quartiere 2 e l’altro nel Quartiere 3) sono state installate le micidiali macchine lava cervello. Spero che la notizia della disinstallazione, si riferisca ad entrambe le ludoteche. Nessuno garantisce che nel frattempo in qualche sperduto paesino di questa lunga Italia, macchinette simili non siano funzionanti o stiano per essere installate.

Certo se fossi un genitore o un nonno che abita nei paraggi non avrei esitato un attimo a versare della colla istantanea o otturato con del chewingum le feritoie degli aggeggi in cui inserire i gettoni omaggio. Magari mi sarei anche beccato una denuncia. Di sicuro c’è che è stata scoperta una falla nelle leggi contro il gioco d’azzardo. La miopia di alcuni amministratori locali che concedono le autorizzazioni a cuor leggero, fa il resto. Magari non occorre nessuna autorizzazione specifica, non c’è in ballo del denaro, ma il futuro si. Abituare i bambini a credere nella dea bendata, magari per qualcuno sarà anche educativo. Dovrebbero occuparsene i servizi socio educativi e culturali, ma son troppe le cose di cui occuparsi e in troppo pochi. Siamo in ritirata. Resta la Polizia Municipale, che non può intervenire perché non si tratta di gioco d’azzardo o di incitazione al gioco d’azzardo, altrimenti bisognerebbe denunciare anche la RAI e i sui suoi programmi alza audience. Insomma c’è una falla, Capitan Uncino ne approfitta, e i Peter Papàpan sono distratti dal trillo del telefonino.

Ma come dicevo prima è arrivata anche la notizia che le macchinette sono state eliminate dalla ludoteca, si vede che la denuncia di giornali, blogger, associazioni e genitori a qualcosa è servita. In alcuni campi non sono necessarie leggi particolari, basta il buon senso e la vigilanza costante. Io da oggi, anche se spero di non doverlo utilizzare, un chewingum in tasca lo porterò sempre.

About these ads

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.

Pubblicato il 11 agosto 2012, in Notizie e politica, sc-arti e mestieri con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 20 commenti.

  1. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Ciao, P. Resta il fatto che per poterle installare quelle micidiali diseducative macchinette hanno dovuto chiedere ed ottenere un permesso se non sicuramente una licenza. C’è quindi da chiedersi quali controlli abbia effettuato o ha fatto effettuare il “rottamatore” sindaco di Firenze!

    Buon WE a te ed anche al “Bimbo”, com’è definito il sindaco di Firenze che, quasi mai, si vergogna delle mende che fa!

  3. ma da quello che so io, quelle macchinette potrebbero essere irregolari anche come produzione…
    nel mio locale abbiamo le slot (noi abbiamo più odio che amore per quelle trappole, ma oggigiorno se non hai quelle non hai niente….
    e comunque prima la normativa prevedeva che i minori non le usassero, ma se erano accompagnati da un genitore, quest’ultimo era responsabile (stessa cosa per i gratta e vinci)… adesso la regola è che un minore non deve nemmeno avvicinarsi, nemmeno se c’è tutta la famiglia presente e se noi vediamo che un bambino o ragazzino si avvicina o guarda le macchinette dobbiamo farlo allontanare, altrimenti rischiamo la chiusura del locale e una multa salatissima… perciò questi come fanno a produrre le baby-slot, non si sa….

    • se c’è la famiglia presente la responsabilità dovrebbe cadere dritta sui genitori.
      o sti genitori non valgono più nulla?
      Un pò è come quando i bambini portano a scuola il panino con la mortadella e il formaggio e poi a scuola si deve fare educazione alimentare. ma a chi? al bambino o alla mamma che gli ha preparato a casa il super panino?

  4. credo che in nome del dio denaro non si guardi più in faccia a nessuno e il buon senso è latitante…..meno male che ci pensano i cittadini a usare il cervello e a metterle fuori uso!!!!

  5. speriamo che le abbiano disinstallate tutte…per il resto vien davvero da chiedersi come potessero aver permesso la loro installazione :-(
    buon fine settimana

  6. Prima di tutto c’è da chiedersi chi è quell’irresponsabile e crriminale che ha dato un simile permesso!! E’assolutamente assurdo che si possano fabbricare delle slot per bambini….
    è una vera e propria istigazione al gioco d’azzardo.
    Buon fine settimana Paolo :)
    liù

  7. Ti seguo nell’idea del chewingum sempre pronto all’uso.

  8. no Marco…. molto tempo fa, quando le macchinette ognuno se le gestiva come voleva, capitava che fossero regolate in modo poco onesto…. chii era più onesto le metteva in modo che dessero la giusta percentuale in vincite, chi era poco onesto le regolava in modo che incassassero tanto con una bassa percentuale destinata alle vincite…
    ma da quando le slot sono state regolarizzate dal monopolio e secondo lo stato è diventato giustissimo giocarci (secondo loro :mrgreen: ) sono collegate 24 ore su 24 all’ a.a.m.s. tramite una scheda sim e loro possono prendere dati e controllare in qualsiasi momento… (questo ovviamente nei locali regolari)

    per quanto riguarda la richiesta del documento per alcool, sigarette, ecc… è giustissimo che noi li chiediamo, ma quando vedi che arriva il ragazzo più grande col documento contornato da quelli più piccoli e quello grande compra per tutti, quando vedi che la mamma o il papà continuano a mandare il bambino a comprare le sigarette anche dopo che glielo hai detto (e s’incazzano pure se lo mandi a casa senza sigarette) quando vedi che i tuoi clienti si scocciano perché devono stare lì ad aspettare che tu finisca la discussione per via dell’età… quando vedi che uno ti manda affanculo perché gli hai chiesto il documento e lui di anni ne ha 25…. capisci perché a volte sorvoliamo? :D

  9. siamo alla follia pura, pur di far soldi si arriva ad indirizzare pure i bambini verso queste infernali macchinette. Spero le abbiano tolte tutte e soprattutto che i genitori stiano molto attenti

  10. E’ una vergogna… non so però se lo sia di più che si sia arrivati a pensare alla slot machine per l’infanzia o che siano stati dati i permessi per installarle (perchè se poi le amministrazioni non ti permettono di posizionare la macchinetta mangiasoldi, l’hai fabbricata per l’anima del cavolo… e ti starebbe solo bene!).
    C’è comunque da dire che ormai sembra essere questa l’unica (o quasi) industria redditizia nel nostro paese… vedo continuamente negozi di ogni tipo chiudere (un solo esempio tra tanti: nel centro commerciale che nella mia città hanno inaugurato un anno fa, sono già “esplosi” la libreria e la piadineria… hanno durato poco più di sei mesi, visto che all’inaugurazione non erano ancora stati aperti), e in compenso il posto viene preso da sale scommesse, sale “giochi” (e mica quelle con Super Mario o Street Fighter…), sale poker… e quelle sembrano non sentirla proprio, la crisi.

  11. Ah, meno male che lo dici anche tu, in fondo… stavo giusto per obiettarti che PRIMA bisognerebbe denunciare la RAI per tutii gli stupidi programmi che incitano a essere milionari senza fatica; SUBITO DOPO la miriade di società che organizzano casinò e giochi d’azzardo in rete… e quanti genitori impediscono ai figlioletti di guardare la TV o di collegarsi a Internet?
    Le baby-slot mi sembrano proprio il male minore, soprattutto se – come mi sembra di capire – sono fatte apposta per permettere ai bimbi di provare ebbrezze da grandi con (spero!) poco rischio e poca spesa.
    Anni fa Umberto Eco fece scalpore incitando i genitori a “comprare ai bimbi armi giocattolo e farli giocare alla guerra”; e aveva ragione, non c’è nulla come la proibizione e le frustrazioni a far nascere istinti repressi che si manifesteranno poi, in modo molto meno innocuo, nell’età adulta.
    Per tutto il resto condivido al 100% i commenti di Roberta…
    Salutoni, tuo
    Cosimo

    P.S. Mi dai del rompip***e se mi permetto un consiglio? Il tuo blog mi piace molto anche graficamente, ma quei caratteri bianchi o gialli sullo sfondo verdolino chiaro della (peraltro bellissima) foto di sfondo hanno un effetto deleterio sui miei occhi; e non credo di essere l’unico dei tuoi lettori con qualche problema di vista…
    Non sarebbe il caso di migliorare un pelo la leggibilità, ad esempio inserendo uno sfondo neutro e contrastato nelle finestre dei post?

    • Benvenuto Cosimo.
      Ai commenti a questo post avevo deciso di non replicare, anche perchè la mia opinione la esprimo già.
      Qualche anno fa, a un mio amico che apriva un bar, consigliai io di mettere le giocate enalotto e lotto, perchè gli avrebbero portato nuovi clienti. La differenza tra una schedina compilata e una slot però è grande. Con la schedina c’è una tempistica che fa se non altro sognare. Tra il momento della giocata e quello dell’estrazione passano gioni o quantomeno delle ore. La slot invece ferma il tempo, il mettere soldi nelle fessure diventa un gesto compulsivo, si perde il legame con la realtà, è un gioco solitario e come i solitari con le carte, estranea da tutto il resto, sino a diventare quell’ormai riconosciuta patologia da dipendenza senza droga.
      Per contro ho agito come dici tu, quando mio figlio insisteva per giocare con le slot, ho lasciato che comprasse un paio di baby slot meccaniche al mercatino dell’usato, ho lasciato che la caricasse con le 100 e le 50 £ che mi sono rimaste dopo il cambio e ci giocasse. Per due o tre giorni ci passava le mezz’ore a far girar la leva e ogni tanto “hurra ho vinto”. Oggi giacciono in cantina e quelle del bar lo infastidiscono pure. Ma come comprarsi una slot dell’ultima generazione? Lo dice Roberta, sono collegate all’amministrazione dei monopoli di stato, quindi al privato cittadino rimangono solo armi spuntate.
      PS: per lo sfondo sto cercando una soluzione, tipo uno sfondo di contrasto come per i commenti. Ciao :)

      • Lieto che la pensiamo uguale… e sì, la differenza tra lotto e slot è effettivamente enorme (ma a me non piacciono nessuno dei due).
        Per la leggibilità pensavo proprio a quello che dici tu, credo che sull’editor debba esistere un comando per evidenziare il testo e attribuirgli uno sfondo NON trasparente; proprio come per i commenti, bravo! che mentre si compilano sono leggibilissimi, ma una volta pubblicati lo sfondo ridiventa trasparente…
        Grazie per la cortese e pacata accoglienza, un salutone, tuo
        Cosimo

  1. Pingback: Il gioco d’azzardo è legale? | libera...mente

  2. Pingback: IL GIOCO D’AZZARDO ONLINE: E’ LEGALE ? | mariella: Temporanea Residente Forestiera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: