Blogger o spaventapasseri?

Ogni volta che arriva un rapporto annuale dell’ISTAT i titoli dei giornali si adeguano a quello che percepivamo già. Forse tutti noi dovremmo farci i complimenti per essere così lungimiranti. da anticipare le statistiche. Ma sin quando una cosa la si vive in diretta è un conto, quando sono i dati riassunti di una ricerca nazionale, un altro. Poi c’è il filtro di chi interpreta le statistiche, che trae i sunti più qualificanti e noi comuni mortali non possiamo far altro che o fidarci di quel che ci viene detto o accedere ai dati direttamente. Per farne che poi? Per parlarne in un blog? O come fa notare un editoriale del C.d.S. di oggi, muovere correnti di opinione senza che basi politiche gli siano da supporto. Vale a dire senza un progetto politico di lungo termine.

Bene, e che vuol dire? Bossi ieri arringava la folla a Pontida, la riteneva partecipe di un progetto politico? Gli stava raccontando l’ennesima frottola, li partecipava del suo fallimento mascherandolo con brevi slogan a cui i poveri padani da trent’anni vanno appresso. Perché si è vero che l’ascesa politica della Lega si è vista 20 anni fa, ma già da prima il campanilismo portava in quella direzione. Il gruppetto Bossi, Maroni, Calderoli lo ha intuito, Miglio ha provato ad esserne l’ideologo, ma alla fine la dove han governato o governano, oltre qualche marciapiede, qualche strada che comunque sarebbe stata asfaltata, qualche arredo urbano aggiunto, non si è visto altro, tranne lasciarsi prendere troppo la mano e sperperare soldi pubblici per decorare qualche scuola con il sole delle alpi (o marjuana stilizzata). E questo sarebbe un progetto politico o è un movimento pagnottistico?

I blogger forse oggi rappresentano l’unica voce non allineata nel panorama delle opinioni comuni. Noi possiamo parlare d’amore, di previsioni meteo, di finanza o di politica, senza redini, senza supporti, nutrendoci di quello che ci viene vomitato addosso dai mass media. Poi magari ci si ritrova in una piazza o ad entrare tutti insieme nei seggi a votare. Qualcuno ha anche detto che il quorum ai referendum è stato raggiunto per colpa o merito nostro.. Forse non abbiamo lo stesso diritto di chi blatera al bar? C’è un’unica differenza, che chi fa discorsi da bar al massimo diventa ospite di B.Vespa che poi ci scrive un libro, chi scrive nei blog non passa alla storia (e chi lo sa?), ma salta fuori dai motori di ricerca di mezzo mondo.

A quando la statistica sull’uso dei blog e della conformazione culturale della società invisibile? 

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica, pensieri spaiati. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Blogger o spaventapasseri?

  1. Paolino ha detto:

    ammesso che una simile indagine statistica non sia già stata realizzata…
    forse verrebbe ignorata/censurata (non c’è molta differenza) dai media di maggiore diffusione, perchè avrebbero difficoltà a sintetizzare nei loro tempi e modi da entertainment quello che la variopinta nuvola di pensiero della blogosfera esprime 🙂

  2. mariella ha detto:

    Io invece sono del parare che i blogger non siano poi così “invisibili”.. tutt’altro. Hanno una forza di pensiero e verità che di certo non troveremo nei Media di qualsiasi testata! E questo perché nei blog parla “la gente vera!”. Questo cerca la gente! Una cosa strana che ho riscontrato tramite il Shiny Stat ad esempio, nel programma alla voce provenienza, vi ho trovato chi ha visto il blog da quale locazione proveniva e pensate: dal Ministero dell’interno; e addirittura anche da Arcore.. Possibile che fosse passato nel blog anche Mr B. ? (sto scherzando.. ) Comunque, molta gente da ogni parte del mondo si sofferma nei vostri blog.. e forse anche politici per sapere cosa ne pensano veramente gli italiani di loro.. un pò per tastare il terreno..

  3. luciabaciocchi ha detto:

    Paolo hai perfettamente ragione, è finita l’epoca degli italiani indottrinati dai messaggi della tv, ora è la rete ad informare ed aprire nuovi orizzonti, abbiamo visto i risultati dei referendum e la grande partecipazione nelle Piazze di un popolo stufo di questo governo. Qualcuno ha affermato che il parere dei blogger è quello di tanti giovani fannulloni che si divertono a cliccare consensi nel loro pc, staremo a vedere chi ha ragione. Un saluto

  4. ili6 ha detto:

    Il mondo del web è estremamente variopinto ed è sì una larga fetta della società (non sempre di quella pensante) ma c’è ancora una maggioranza di popolazione da “istruire” via tv e carta stampata. C’è più libertà di pensiero qui, è vero, e abbiamo saputo dell’influenza dei blogger e dei social network nelle ultime battaglie internazionali. Ce ne siamo accorti noi e se ne sono accorti anche “loro” e il timore è che in qualche modo studino un freno a tanta libertà di espressione senza redini.
    Mi capita di guardare le statistiche di frequenza del mio blog e notare che sono su una media giornaliera di oltre 50 visitatori, mi fa un certo effetto e mi fa riflettere maggiormente sulle cose da dire e da scrivere. Ed il mio spazio web è insignificante rispetto ai grandi blog che esprimono opinioni con migliaia di occhi che leggono.
    Noi blogger abbiamo una bella opportunità ma anche una buona responsabilità.

  5. popof1955 ha detto:

    Rientrare da lavoro e leggere questi commenti è molto stimolante. Vorrei rispondervi uno per uno, ma vedrei i vostri gravatar sparire, e poi a che servirebbe, vi sento tutti sintonizzati su una stessa lunghezza d’onda e ognuno con quel tanto di diversità che stimola il dialogo. 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...