La rete ha fatto goal (di Franco Bomprezzi)

Raramente mi trovo d’accordo con qualcuno,  condividere un’emozione con una persona che non conosci se non attraverso quello che scrive è una cosa che sto imparando nel mondo dei blog.   Questo suo articolo pubblicato sul suo blog “FrancaMente (il blog senza barriere)” http://blog.vita.it/francamente/2011/06/16/la-rete-ha-fatto-goal/#comments mi trova così concorde che non posso non proporlo a chi passa di qua. Se poi volete anche andare sul suo blog fate pure, ho messo l’indirizzo. Quello che segue è il suo articolo.

Ebbene lo ammetto: passo ogni giorno almeno un’ora, se non più, a dialogare con i miei “amici” di facebook. Sono tanti, troppi, più o meno 4500. Il massimo è cinquemila. Io ogni tanto consulto questo smisurato elenco di facce e di nomi, ed elimino i contatti che proprio non mi dicono nulla, non suscitano nessun ricordo, neppure lontano, di dialogo o di scambio. Lo so, non si dovrebbe fare. Ma mi piacerebbe, giorno dopo giorno, affinare la lista fino ad avere davvero solo “buone conoscenze” (l’amicizia è una cosa un po’ più complessa).

All’inizio era un diversivo, quasi un gioco, ma adesso è diventato, almeno per me, uno strumento di lavoro e di relazione sociale vera, autentica, tutt’altro che virtuale. Mi pare  infatti di notare, non solo per quanto mi riguarda, una evoluzione veloce dello strumento. Prima di tutto è diventato davvero la piazza virtuale delle battaglie civili e politiche. La campagna per le elezioni milanesi, e poi quella per i referendum, è vissuta realmente anche del passaparola su facebook, che permetteva, a costo zero, di far conoscere iniziative, documenti, fotografie, filmati, spot “virali”, tormentoni, link multimediali a youtube, aforismi, battute, citazioni, articoli di giornali, spezzoni di telegiornali o di talkshow. Insomma una lavagna multitask, sulla quale anche persone poco attrezzate dal punto di vista informatico sono riuscite a non sentirsi a disagio, partecipando con semplicità, magari solo con un cenno di approvazione, quel “mi piace”, che suona ridicolo e semplificatorio, ma che ha una sua funzione, quasi da “coro greco”.

In effetti ora non saprei farne a meno, anche se sono certo che i social network avranno una ulteriore, veloce, evoluzione e il futuro ci riserverà nuovi strumenti, che prima valuteremo con diffidenza, poi sperimenteremo in punta di clic, per deciderci infine a usarli come se li avessimo sempre conosciuti. Attraverso facebook posso essere in contatto pubblico o privato (attraverso i messaggi) con un mondo composito di colleghi giornalisti, di giovani, di persone con disabilità, di tifosi nerazzurri (ovviamente…), di amici veri sparsi in tutta Italia, di persone della politica nazionale e locale. Il flusso dei contatti è molto variabile, e secondo me c’è un turnover molto alto, anche perché in molti usano in modo improprio questo mezzo, considerandolo una specie di posta elettronica allargata, e non cogliendone invece il senso nuovo di vera partecipazione, magari effimera e superficiale, ma non banale.

Ogni volta che ho voluto affrontare seriamente temi importanti, legati ad esempio ai diritti, o alla discriminazione, ho avuto risposte formidabili dai miei “amici”, contributi preziosi di esperienze, storie, punti di vista differenti. E,  di recente, ho scoperto con grande soddisfazione la crescente capacità di dialogare partendo da punti di vista lontani, spesso opposti, anche in politica. La faziosità rissosa della politica italiana si nota anche qui, ma viene subito temperata dall’irrompere degli altri, il dialogo non è quasi mai “a due”, ma da uno a tanti, e questo contribuisce, nei lunghi scambi di opinione, a modificare il punto di vista iniziale, ad avviare quella forma di civiltà che dovrebbe essere basata sull’ascolto delle ragioni altrui.

Tutto bene, dunque? No. Il limite della rete e dei social network è l’effetto-illusione. Tutti ci sentiamo protagonisti in prima persona, il che aiuta a partecipare, ad esempio, alle campagne elettorali e referendarie, ma poi, passato l’evento, le decisioni vengono riprese in mano dalle élites che non usano, certamente, solo questi strumenti, anzi. E dunque si assiste, inevitabilmente, a una cesura, a un improvviso silenzio sulla rete e della rete, che dà la sensazione di un distacco, di un abbandono, se non addirittura di un tradimento delle aspettative.

Credo che su questo terreno, nell’immediato futuro, sia fondamentale elaborare reti di comunicazione responsabile capaci di mantenere attivo il vento del cambiamento e della democrazia dei social network, che si affianca alla partecipazione diretta nelle piazze, nei teatri, nei convegni, sulla stampa, nei blog, nei forum. La complessità delle decisioni da prendere, e la condizione “liquida” del consenso sociale e politico, con una opinione pubblica sempre meno incline a farsi usare e gettare, dovrebbero convincere gli spin doctors, e gli strateghi della nuova comunicazione a non perdere adesso questo legame “rivoluzionario”, cercando, anzi di dotarsi di strumenti su livelli diversi, per filtrare le modalità di partecipazione, aumentandone la qualità, la competenza, la trasparenza.

Intanto annoto con piacere che il nuovo assessore alle politiche sociali di Milano, Pierfrancesco Majorino, ha ammesso un errore nella dizione di una sua delega, e si è impegnato a sostituire il termine “diversamente abili” con quello più corretto di “persone con disabilità”, da me suggerito in modo un po’ brusco nel mio profilo di facebook. Un intervento in tempo reale, che depone bene nei suoi confronti, ma che forse apre una porta, o una finestra, verso un nuovo modo di ascoltare i cittadini, magari non soltanto attraverso un’ora alla settimana di apertura al pubblico. Il futuro ci dirà se l’ottimismo della ragione si scontrerà con il conservatorismo inevitabile della politica.

Ma questa, diciamolo pure, è una bella stagione da vivere con entusiasmo, e con spirito critico. E’ la nuova cittadinanza attiva.

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La rete ha fatto goal (di Franco Bomprezzi)

  1. ili6 ha detto:

    Popof, hai fatto il miracolo 🙂
    nel senso che mi sto ritrovando a leggere e commentare un post che parla di un social network che non conosco ! (vedi infiorata … 🙂 )
    ma, come succede spesso nei post dei blog, un tema di base ben scritto e partecipato apre ad altre variabili più estese e qui posso ripetere ciò che ho commentato nel tuo post blogger o spaventapasseri.
    Leggendo l’articolo di Franco Bompezzi mi vien voglia di iscrivermi a fb ma a trattenermi è la grande folla coi rischi di incomprensione ed altro che questa potrebbe comportare.
    Mi piacerebbe sapere qual è la sostanziale differenza tra un blog ed fb (chissà che magari mi convinca ad iscrivermi).
    Andando al generale confermo la mia idea di positiva esperienza di appartenenza alla rete da due anni, vuoi per sorridere, per relax, per partecipare e condividere, per esprimere, per opinionare, per apprendere ed arricchirsi, ecc…ma non dimentichiamoci, come già detto nel post di Paolo, che se ci è stata offerta questa possibilità dalla rete, di rimando ci è stata data una grande responsabilità e sta a tutti noi che aderiamo, fb o tw o blog, saper dosare le parole perchè gli occhi e le menti che leggono e pensano sono davvero tanti e mai tutti ugualmente forti e pronti a recepire nel modo giusto.

  2. popof1955 ha detto:

    Detta tutta neanche a me piace fb, ci entro ogni tanto, è un bailamme, diverso il discorso sui blog, si dialoga scrivendo.
    Quello di Bomprezzi non è solo un contatto fb, lui è un giornalista, scrive su Vita, una rivista del mondo no profit, ed ha un blog al suo interno. La rivista on line è all’indirizzo http://www.vita.it
    Vedo che hai cambiato gravatar, fa venir voglia di mare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...