Panem et Circenses

Sarò masochista, ma voglio tentare di vedere quello schifo della festa di Sanremo, pardon, festival. L’inizio è dei peggiori, una coppia di comici inutili a se stessi e agli altri, che cercano di far ridere su cose che neanche sanno se non per sentito dire. Facile fare ironia su cose che non cambiano, come se prima le cose andassero tremendamente bene. Certo l’Italia viveva allegramente ai tempi del bunga bunga. Nascondeva la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Panem et circenses.

Oggi Monti ha detto no alla candidatura di Roma alle Olimpiadi 2020, io lo trovo un sintomo di serietà. Non si può chiedere ad una nazione che tira la cinghia per risanare la dove gli altri han sperperato, di spendere 10.000.000.000,00 di € per consentire a dei non professionisti dello sport (?) di avere un palco sotto casa. A me la scelta di Monti sta bene, chi ha voglia di cimentarsi sportivamente può farlo anche senza medaglie (150.000,00 € l’una), basta indossare un paio di scarpette e delle mutande e ogni strada o sentiero diventano terreno di cimento. C’è gente che corre tutta la vita, magari non raggiunge il traguardo per primo nemmeno una volta, ma è felice lo stesso.

Io avrò rinviato il momento di andare in pensione di almeno sei anni, ma non credo che mi sarei trovato in questa situazione se prima di Monti, ci fossero stati almeno dei politici lungimiranti. Forse le formule economiche non dicono niente, le previsioni di spesa nemmeno, ma i debiti, sia pubblici che privati, vanno pagati e non semplicemente spostati sulle generazioni a venire o sui vicini di casa. Certo generazioni virtuali, nessuno riesce a pensare oltre i nipoti, ma a meno che non si diano per certe le profezie catastrofistiche sul 2012, il mondo continuerà ad esistere ben oltre i prossimi 100 anni.

Quando ci preoccupiamo del clima, dell’ambiente, dell’inquinamento, non è solo di noi che ci preoccupiamo, bensì delle generazioni future. Ora mi chiedo, se il mezzo di scambio utilizzato da alcune centinaia di generazioni è il denaro, come pretendere di lasciare un fardello ingombrante e pesante su chi verrà dopo di noi? Il Sindaco di Roma, incapace a far gestire alla miriade di amici e parenti del Campidoglio, una spruzzatina di neve, come può pretendere di gestire le Olimpiadi del 2020? Qui o siamo scemi o siamo completamente rimbecilliti. Già ci si ritrova con il fardello dell’Expo 2015 a Milano, dove la neve qualche problema lo da, e dove non c’è chiodo che venga piantato senza che venga fuori dagli spifferi, odor di mafia e ndrangheta.

Per mettersi in pari si voleva anche mettere in ballo le Olimpiadi che, oltretutto, dicono portino sfiga sui paesi che le organizzano (vedi la Grecia). O forse il dott. Alemanno pensava di ristrutturare il Colosseo, con ampie vetrate ad arco, con l’intervento dei privati?

PS: alla quinta riga del post ho spento la TV, non sopporto l’idea di essere audience e far aumentare i prezzi del supermercato dove vado a far la spesa(vedi post precedente).

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente Umano, Notizie e politica, pensieri spaiati, Recensioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Panem et Circenses

  1. in fondo al cuore ha detto:

    Anch’io penso che abbia fatto bene……non è di certo il momento di sperperare altri soldi, per il festival non sò che dire….non lo guardo! 🙂

  2. Patrizia M. ha detto:

    Non ho iniziato a guardare il festival, anche se la curiosità di vedere Celentano c’è, ma dover seguire tutto quanto non mi va proprio, ogni tanto cambio canale per vedere se lo becco altrimenti pazienza. Sicuramente ci sarà della polemica, ma a me piace veramente tanto lui.
    Su quanto riguarda la questione Olimpiadi anche io sono contenta che Monti abbia detto un NO deciso.
    Ciao, Patrizia

  3. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    Solo il pensiero quanto pagano alla serata a Celentano trovo fuori ogni misura del normale… Pif

  4. mariella1953 ha detto:

    Ciao
    Non ho visto il festival ma a quanto vedo dalla tua foto c’erano di nuovo Luca e Paolo
    L’anno scorso mi ero proprio stupita di questa loro partecipazione perché il festival era stato oggetto molto spesso delle loro battute e prese in giro….mahhhhhhhh

    In quanto alle olimpiadi sono d’accordo con te

    Buona giornata di sole(così Sanremo si presenta con la sua faccia migliore!!!)

  5. luciabaciocchi ha detto:

    Paolo non oso dire quello che penso del Festival di Sanremo, una signora non può espimersi con un gergo così scurrile. Aprrovo tutto quello che hai detto senza aver visto nulla, bravssimo!
    Ho condiviso l’articolo in fb, spero ti faccia piacere. 🙂
    Buona giornata
    Lucia

  6. Giulio Salvatori ha detto:

    Se dipendeva da me, non davo l’incarico neanche a Morandi, né invitavo Celentano a dire cose che sappiamo … Condivido sulla parola -il vuoto – pagato con i soldi nostri

  7. mariella ha detto:

    Stavolta non metto il “mi piace” perché non condivido l’attuale governo anche se come dici tu ha evitato di sprecare soldi per organizzare le olimpiadi qui in Italia.. ma ha lo stesso comprato i 139 cacciabombardieri (atomici) “difettati”, non funzionanti correttamente.. e altre cosette ingiuste quindi non potrò mai avere una parola favorevole all’insieme di questo governo tecnico.. Lo so che con questo per te sono impopolare, negativa, catastrofica.. ma il tempo darà risposta..

    Riguardo Sanremo, ho solo visto l’intervento di Celentano (anche se c’è stata quella polemica sul suo costo per la partecipazione.. anche io ritengo che si paghi troppo.. ); ma tuttavia, lo apprezzo come uomo di profonda riflessione, di uomo timorato di Dio, mi piacciono molto i suoi monologhi.. non mi annoiano.. per me dice cose sensate. Finito il suo intervento, ho cambiato canale.

    Buona giornata 🙂 io adesso vado al lavoro.

  8. Insenseofyou ha detto:

    Tutto Ko … ma ogni tanto si può respirare? ….. un :-)!

  9. Fortunata ha detto:

    Sono convinta anche io che il pres.Monti abbia fatto bene adire no alle olimpiadi a Roma ma non mi piace quello che dice Popov circa lo sport .Bisognerebbe averlo fatto veramente per capire la gioia che si prova a superare un record o a vincere una gara. Sei ripagato di tutte le fatiche,.altro che andare a correre per strada, e ti senti orgoglioso di te.ciao fortunata

  10. semplice1 ha detto:

    Anch’io sono d’accordo sul non fare le Olimpiadi a Roma… a parte il casino che procurerebbe alla città, già incasinata di suo..a parte il suo sindaco che va in tilt x 20 cm. di neve…ma sono contenta perchè almeno un bel pò di papponi e lestofanti a cui sarebbero andati gli appalti sono rimasti a bocca asciutta. Certo questo, solo questo, non fa alzare di un millimetro il mio gradimento verso Monti e il suo governo. Se si devono ridurre ed eliminare gli sprechi, cominciasse da i suoi compagnucci di merende: onorevoli, deputati,ministri etc etc etc etc etc …e cominciasse una seria e vera lotta all’evasione fiscale.

  11. paolo ha detto:

    Ecco quello che c’è di bello e di buono nei commenti, aiutano ad allargare l’orizzonte, a non esprimere un’dea fossilizzandosi pensando che quella è l’idea migliore tra quelle che partorisce la testa.
    Io per primo considero le spese militari uno spreco, ma è anche vero che vista la prepotenza che caratterizza il genere umano, delle armi siano reputate necessarie anche se il loro uso non condivisibile.
    Considero il potere manifesto dello Stato come una sorta di mediazione tra poteri diversi, e tre di questi, il militare, il giudiziario, il legislativo hanno ognuno forze in campo diverse. Il militare ha otto forze armate (aeronautica, esercito, marina, oltre a polizia, carabinieri, guardie forestali, finanza e polizia urbana), il giudiziario si divide tra civile, penale e militare. Il legislativo in una settantina di formazioni. Non è cosa semplice far convivere il tutto vista anche l’interdipendenza degli uni dagli altri. Non penso possa essere facile per un politico decidere di dare alle proprie forze armate fucili ad acqua e carri armati di polistirolo. Sarebbe bello, ma credo che ci potrebbero essere delle ventate di malcontento, ed una cosa è avere chi gestisce il monopolio della violenza dalla propria parte per frenare i tumulti, un’altra è disarmarli di colpo e vedere se sparano contro il Palazzo.
    Per quanto riguarda le operazioni di facciata, come i blitz nelle vie dello shopping, il rifiuto della candidatura olimpionica, i finti tetti di spesa per i parlamentari, il limite delle auto di servizio… certo sono gocce nel mare degli sprechi, e ad effetto maquillage. E’ altrettanto vero che un secchio si riempie goccia a goccia e che per svuotarlo basta un attimo.
    La mia preoccupazione maggiore non è che il secchio si riempia, bensì che poi arrivi uno che versi tutta l’acqua da una parte sola. Chi si ricorda dell’una tantum di 85.000 £ per il servizio sanitario versati per riordinare i conti ed entrare in Europa? Non credo che oggi saremmo più felici a comprare .7000 £ un kg di pane o 20.000 £ un kg di caffè. Ho provato diverse volte ad andare in Svizzera giusto per il gusto di rendermi conto quanto vale l’euro. Nel 1996 a Livigno gli italiani tornavano alle auto con 10 kg di zucchero in spalla, gli svizzeri con i sacchettini delle gioiellerie. Era frustante. L’ultima volta con 25 € in Engadina ho sciato un’intera stagione.
    La Grecia ha scelto i suoi leader populisti, han falsificato i bilanci. Siamo disposti ad accollarci il loro debito? Perchè di questo si tratta. Se i greci non pagano devono pagare gli altri il loro fallimento. A me sembra una cosa normale che il garante di un prestito da 130mldi di € chieda al debitore di saldare i propri debiti prima e poi intascare la differenza che rimane, con lo scopo di tirarsi su..
    Perchè quando viene emesso un € dietro ci sono oltre a riserve auree anche titoli azionari. D’accordo che l’Europa non è un’entità politica, ma non può neanche diventare una macchina truffaldina. La Germania tende ad egemonizzare, ma non dimentichiamo che il suo debito pubblico non è uno scherzo, si salva solo per il rapporto con il PIL e che tendenzialmente vuol farlo pagare ai partner in difficoltà, comprando titoli con interessi alti.

  12. ili6 ha detto:

    mi spiace moltissimo per le olimpiadi di Roma
    mi spiace per lo SPORT e per tutti i giovani che amano e che fanno sport non agonistico con tanti sacrifici (mi dirai che potranno continuare a farlo. Certo, ma le olimpiadi, l’occasione di partecipare e partecipare nel proprio Stato, è tutta un’altra cosa.
    mi spiace per l’occasione mancata di creare movimento, lavoro, turismo, occasione, crescita
    e mi spiace perchè il messaggio che oggi passa è quello di un’Italia senza speranza e senza futuro.

  13. ross ha detto:

    Bell’articolo e commenti interessanti, sono d’accordo su quanto hai scritto, però non posso esimerrmi dal pensare che anche ili6 ha ragione. L’Italia ultimamente stamostrando al mondo il suo peggio e questo mi rattrista molto, perchè NOI Italiani , diciamo il “popolino” siamo ANCHE pieni di pregi e con un Governo “giusto” potremmo trasformare il nostro paese in un piccolo Paradiso. Ma questa è utopia.
    A presto
    Ross 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...