Ectogas

immagine presa dal wueb

La nostra è una società liquida, così come ha ben descritto e raffigurato  Z.Bauman. Ma stamattina, appena sveglio, e reduce da una seduta di lavoro del giorno prima, o meglio riunione comunicativa incentrata sulla positività della liquidità sociale del lavoro, noto che la nostra società sta subendo una trasformazione ulteriore, sta diventando una società gassosa, una società di fantasmi, che rarefa  la sua presenza fisica in questo periodo storico che può essere considero quello di massima espressione comunicativa. Tra quindici anni le riunioni di lavoro non si svolgeranno intorno a tavole rotonde ma tra le nuvole.

Difatti chi di noi, in particolare noi blogger, avrebbe mai immaginato appena dieci anni fa di avere  una cerchia di amici e conoscenti,  ovvero una platea ampia di interlocutori attenti e interessati alle cose che uno scrive? Eppure, tranne che in pochi casi, la conoscenza dal vivo è molto rara (parlo per me naturalmente). Questo è il mondo di internet, emozioni elettriche ectoplasmatiche. Mi viene il paragone con gli anni ottanta, quando il mezzo di comunicazione era il CB dei radio amatori, i social network ne han preso il posto. Sono fisicamente più consistenti dell’eterea radio? Li c’era la presa in diretta, “Ci ku Ci ku canale 10, passo, sono Orso Yoghi, chi copio? passo”, un linguaggio da addetti ai lavori e non capivo se passassimo la parola o il tempo. Su alcune frequenze ad una certa ora ci si dava appuntamento, anche se poi capitavano incroci casuali con i passanti, in particolare camionisti, che spezzavano il sonno con dialoghi a distanza. Voci che si perdevano nelle gallerie dell’Appennino, una volta superato Sasso Marconi.

Ora non c’è più galleria che tenga, la mappa del traffico giornaliero verso il blog s’allarga, eppure sarei curioso di sapere chi mi viene a trovare tutti i giorni dagli USA e dall’Islanda. Lasciami un “I like” per favore, che poi ti vengo a trovare 🙂 😉

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in pensieri di vita, pensieri spaiati e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

45 risposte a Ectogas

  1. fab ha detto:

    mi impensieriscono un pò le visite di due silenti residenti negli Usa…sarò sotto controllo???

  2. in fondo al cuore ha detto:

    Hai perfettamente ragione, era impensabile, almeno per me, ti auguro una buona giornata!

    • popof1955 ha detto:

      Oggi chiedevo ad un’amica cinese se i figli ha modo di vederli attraverso skype. No, li rivedrà tra un anno, quando ci si recherà, per il momento la Cina produce pc ma la tecnologia non è ancora a disposizione di chi la fabbrica.

  3. cordialdo ha detto:

    Ciao, Paolo. Hai descritto perfettamente i cambiamenti della comunicazione a distanza attraverso l’etere in questo momento.
    Anch’io sarei curioso di sapere chi è e come ha fatto ad individuare il mio blog il visitatore dell’Azerbaijan che ieri è venuto a trovarmi.
    Sarebbe interessante se, al momento dell’ingresso in un blog, restasse traccia dei loro link per potere, eventualmente, poter comunicare con loro.
    Buona giornata.

    • popof1955 ha detto:

      Sai a volte basta una parola per generare un collegamento. Leggevo ieri l’esperimento fatto da una blogger che ha messo dei tag ad hoc, anche sconci, ha visto schizzare le visite alle stelle.

  4. Rebecca o semplicemente Pif ha detto:

    In fondo siamo tutti viaggiatori in una unica rete, fare nuove amicizie o nuove conoscienze non e un male, anzi e una richezza almeno io penso cosi Pif

  5. gabriarte ha detto:

    ci ku ci ku mi ricordo le radio e qualche volta provavo a mettermi in contatto con qualcuno ma poi la paura di non conoscere personalmente con chi stavo parlando mi faceva desistere anche ora continuo a preferire il contatto fisico una stretta di mano uno sguardo mi trasmette sicurezza e libertà di espressione e dò modo a chi mi è davanti di leggere la mia sincera amicizia Il blog è la vetrina dei miei pensieri dei miei disegni e mi fa piacere che venga visitato anche da altri paesi anch’io viaggio su altri blog con la curiosità di conoscere altre usanze e idee mi fermo quando trovo ciò che mi interessa Anch’io ho due visitatori USA ,e forse sono solo di passaggio Ciaooooooooo

  6. per un disabile grave il pc e il web sono un miracolo!

    • popof1955 ha detto:

      Sono gambe son braccia che corrono attraverso le parole, che fa incrementare la propria partecipazione alla vita, che ti fa essere attivo in un modo che che un normodotato non può capire, almeno sino a quando non si rompe una caviglia (come me qualche anno fa) un piccolo malanno isolante. Ciao Marina, grazie 🙂

  7. mariella1953 ha detto:

    Ciao
    Negli ultimi anni per quanto riguarda la comunicazione ci sono stati progressi inimmaginabili soltanto 20 anni fa! A me piacciono queste nuove vie di comunicazione e mi piace leggere il parere delle persone su svariati argomenti …..se poi so cosa dire esprimo la mia opinione!
    Cmq direi che in tutti i campi negli ultimi 30 ci sono stati cambiamenti,progressi,miglioramenti …..mio figlio piu grande e’ del ’75 e ,pensando a quando era piccolo,mi rendo proprio conto di quante siano le cose che sono cambiate….
    Buon pomeriggio

  8. ili6 ha detto:

    ci può essere curiosità ed anche un’inquietudine di fondo, sì, ma questa comunicazione tramite le nuvole ha un suo fascino, nonchè una sua banda d’onda notevole perchè apre scenari inconsueti che, se saputi monitorare, sanno arricchire.
    il limite resta la lingua: non so come sono arrivata in un blogger turco che scrive in turco. non chiedermi cosa, non lo saprò mai, ma le foto e i quadri che posta hanno un linguaggio universale, così come gli smiles. Quindi comunicazione di smiles: meglio di niente.
    🙂

    • ili6 ha detto:

      ma come si fa a vedere la provenienza dei visitatori del blog che entrano, leggono (forse) e non lasciano traccia?

      • ross ha detto:

        Dovresti provare a iscriverti a FLAG COUNTER , che ti indica il numero di visite dalle varie nazione. Prova a guardare il mio, è nella Home page. Se clicchi su dovresti entrare direttamente nel programma. Fammi sapere
        ciso

    • popof1955 ha detto:

      Con il traduttore automatico si riesce a capire, io con degli amici inglesi lo uso addirittura per comunicare in skype 🙂

      • ili6 ha detto:

        sì, il traduttore è per tradurre una comunicazione ma io chiedevo come si fa a capire che il blog è visitato da persone cinesi, indiane, arabe, ecc…nella cronologia per alcuni appaiono i link, la maggioranza invece è nel gruppone google e non riesco a risalire alla provenienza

      • popof1955 ha detto:

        appunto per questo nel post dico “lascia un I like” 😉

  9. Patrizia M. ha detto:

    Siamo tutti controllati?? Non ci sarebbe da meravigliarsi
    Hai ben descritto come sia cambiato il modo di comunicare, come sempre molto interessante leggerti.
    Ciao, Patrizia

  10. strangethelost ha detto:

    Anche io ho visite qotidiane dalI’Islanda ma mai un like, invece un lettore del Maine mi lascia un like quotidianamente e pure io sono andata a trovarlo.pensa che ha un sacco di contatti Italiani pur non sapendo scrivere in Italiano ,però ho capito che lo sa leggere e ogni tanto gli lascio un commento a cui lui risponde in inglese!
    Credo però fermamente che sotto controllo ci siamo tutti e se scriviamo date cose che loro decifrano con parole chiavi vengono a dare un’occhiata!! Lo sospetto perchè nei mesi in cui sono stata su Splinder scrivevo post molto incazzati contro gli Stati Uniti e non so se sia stata una coincidenza ,ma per un pò ho ricevuto visite giornaliere da Washington dove guarda caso c’è la sede del Pentagono,avevo inserito la Revolver Maps che mi diceva tutte le visite da dove arrivavano!

    • popof1955 ha detto:

      Anche tu? Allora deve essere lo stesso islandese, anche perchè sono appena 360.000 e togliendo i bambini ancora meno. Calcollando un 20% di popolazione collegata al web sono al massimo 70.000, vedrai che prima o poi un I Like ce lo lascia 🙂

  11. accantoalcamino ha detto:

    Ciao Paolo, solitamente a me da oltreoceano lasciano spam che elimino immediatamente, sono terorrizzata dai virus e non clicco mai nulla, chissà quante occasioni mi perdo, ciao 🙂

    • popof1955 ha detto:

      Gli spam li elimina automaticamente word press (356 in un anno e mezzo), e non conviene mai aprirli, a meno che non siano di provenienza nota, tipo un amico che mette due link.

  12. accantoalcamino ha detto:

    Mi chiedo spesso che senso abbia lasciare spam in giro, ma ho smesso di farmi troppe domande, si disperderebbero tra le nuvole.
    Aspetto i tuoi 2 link 🙂

  13. luciabaciocchi ha detto:

    Paolo, studioso attento della società liquida, la considera scaduta e conia un nuovo termine..Bravissimo! Per me questo spazio è servito molto, ho fatte belle e simpatiche conoscenze, qualche amicizia, qualche incontro di persona molto gratificante, Soprattutto ho allargato gli orizzonti geografici e non solo, sapete che anch’io ho giornalmente visitatori dall’India, dalla’Armenia e dalla amica americana…Come è piccolo il mondo…
    Un grazie a Paolo che mi ha portato in questo mondo 🙂

  14. luciabaciocchi ha detto:

    Ben detto amico, fa proprio bene all’anima nei momenti di solitudine!
    Un saluto
    Lucia

  15. Shunrei ha detto:

    Io ho uno (o una) svizzero che passa quotidianamente… è da quando l’ho scoperto che mi chiedo chi sia questo affezionato! 😀

  16. popof1955 ha detto:

    Anche se a Katmandù la mia generazione avrebbe preferito andarci davvero 🙂

  17. ilgiullaredicorte ha detto:

    brecco brecco a canale…vieni avanti brecco !!…non c ho passato molto sul bracchino ma quel poco che c ho “giocato” era proprio divertente….ero un ragazzino !!!
    aho io non so americano ma un ilke te l ho lasciato lo stesso ahhahahahahah

    • popof1955 ha detto:

      e pi c’erano anche le liti di vicinato, nel senso che se uno trasmetteva e interferiva con l’antenna TV arrivava la telefonata del vicino, e giù a metter filtri. Ciao 😉

  18. ross ha detto:

    Certo è bello avere amicizie in rete, però a volte capita che ti affezioni a qualcuno, ti confidi,trovi che ti fà sentire meno solo e poi ..paf..sparisce dalla rete, non risponde più alle tue email, che forse per verificare la relatà di un amicizia tra internauti sia necessario lo scambio del num. di cell.? mah!

  19. sonoqui ha detto:

    Ciao Paolo, ti lascio un Like per il post, la Tua simpatia e per “ricordarti” chi sono
    Buon pomeriggio
    Gina

    Ps
    L’ Americano del Maine si chiama David, e visita un po’ tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...