E’ sempre vivo “Lo Spirito del Pianeta”

… e dodici.

Son dodici anni che la kermesse etnico musicale rivive a Chiuduno, a ridosso dei colli di Bergamo. Terra bergamasca, che a dispetto dell’opinione comune che crede che queste zone possano vivere chiuse nel loro guscio, mostrano un’attività ed un’apertura che nemmeno la vicina Milano possiede. Queste campagne, disseminate di cascine agricole e capannoni industriali intorno a cittadine dal solido connotato civile, nella realtà non corrispondono allo stereotipo di quella rumorosa minoranza che fa capo alla lega (la l è voluta).

Lo scorso anno parlai già di questa festa in un post leggibile cliccando qui, ogni anno la festa si rinnova ed io non perdo occasione per ascoltare sonorità lontane. 80 km (tra andata e ritorno) son poca roba rispetto alle migliaia di km fatti dagli artisti che  hanno attraversato mezzo mondo per portare i loro suoni, che non sono quelli diffusi dalle radio e dalle case discografiche. Sono suoni e colori che si fondono nella serena allegria di partecipazione del linguaggio universale della musica che avvicina le genti, gli insegna a convivere e comunicare.

La festa, che è cominciata giovedì scorso, si protrarrà sino al 12 giugno. L’intero programma è visionabile cliccando qui, il sito è ben curato, come tutta la festa che occupa l’intera area della fiera. Centinaia di volontari lavorano  nei vari stand. Vista la loro eterogeneità anagrafica, tutto lascia supporre che per molti anni ancora avrà un seguito come avranno un seguito i progetti di assistenza e collaborazione che gli organizzatori sovvenzionano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a E’ sempre vivo “Lo Spirito del Pianeta”

  1. in fondo al cuore ha detto:

    Molto bella! 🙂

  2. Patrizia M. ha detto:

    Sono manifestazioni bellissime che danno modo di conoscere altre culture
    Ciao 🙂

  3. melodiestonate ha detto:

    stupendo……..complimenti

  4. luciabaciocchi ha detto:

    Interessante questo articolo, ho avuto modo di avvicinare la musica etnica durante l’estate in esibizioni itineranti proposte dalla regione dell’Umbria nei vari comuni. Un mondo distante, suoni e colori talvolta eccessivi ma, sonorità particolari, spontanee, in cui si riscoprono antichi riti.
    Mi devo complimentare per servizio fotografico, immagini molto belle e postate in maniera perfetta!
    Con amicizia 🙂

  5. ili6 ha detto:

    Che bello! Fossi più vicina, non perderei una serata.
    Tempo fa seguii per alcuni anni ad Agrigento il festival del folklore in occasione del mandorlo in fiore: gruppi coloratissimi e danzanti da tutto il mondo. Una festa nella festa. Bei ricordi di un tempo che fu.

    • popof1955 ha detto:

      Ieri non ce l’ho fatta a resistere e mi sono unito al ballo al suono di un gruppo indonesiano, E vedessi poi un bimbetto di 3 o 4 anni che batteva il tempo con le mani sui suoni prodotti da aborigeni australiani. Era seduto accanto ai genitori, batteva le mani a tempo come se quei suoni così lontani ed estranei li avesse sempre sentiti. Tutti applaudivano, lui si è divertito davvero. Eccezionale 🙂

  6. Beppeley ha detto:

    Mi piace molto il messaggio di pace che traspare da questo tuo post.

    Oggi siamo in guerra con tutto e con tutti e forse neanche ce ne accorgiamo…

    Grazie.

    • popof1955 ha detto:

      E sai Beppe, quello che più mi piace è che ci sono migliaia di persone e nessuno spinge per passare avanti. Anche nelle strade una cortesia mai vista, anche in colonna non si sente un clacson, e i volontari, dai sedici agli ottant’anni, sono un esempio vivente di come si possa convivere con un sorriso.

  7. arielisolabella ha detto:

    che meraviglia!! si viaggia per il mondo…stando a casa propria!! 🙂

    • popof1955 ha detto:

      E si scoprono anche un sacco di cose, come che il popolo andino è composto da boliviani, ecuadoregni, peruviani e guatamaltechi, che Haiti e Santo Domingo stanno sulla stessa isola (Martinica), o che la Siberia ha le montagne, cose da nulla che io per primo dimentico. Si è proprio una gran bella cosa aprire la porta di casa e sentirsi nel mondo. 😛

  8. luceinombra ha detto:

    ci sono stata settimana scorsa!!!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...