2 0 1 3 (più o meno)

Chi ci sarà domani a mezzanotte a dare il benvenuto all’anno nuovo sullo stretto di Bering? E perché proprio lì? Ebbene nel bel mezzo dello stretto ci sono le isole Diomede, separate da un fazzoletto di mare di poche miglia, eppure distanti un giorno e tre ore, per effetto dei fusi orari. Isole Diomede, che quando il tratto di mare che le separa è ghiacciato e si può attraversare a piedi, con quattro passi ci si ritrova al giorno prima o al giorno dopo.

Buon anno nuovo, si dicono tra loro i trichechi dell’est, buon fine anno, rispondono le foche dell’ovest, ferme al giorno prima. Il capodanno si festeggia due volte.

Immaginate se il fuso orario passasse tra Napoli e Nola, due giorni e due notti di botti ininterrotti.

Scherzi dell’orologio e del calendario, e i pochi eschimesi che ci vivono dedicandosi alla pesca forse non sanno che ci han dato quella tradizione di mangiar pesce nella notte di San Silvestro.

Cinquant’anni fa in attesa della mezzanotte, scandita dal cuculo del segnale orario radiofonico, si mangiava il baccalà fritto impanato, che si attaccava alle labbra. C’erano le noci, le mandorle e le nocciole, che a rotazione guarnivano i fichisecchi tagliati in due. Per dolce le sfincie, una pastella di farina, lievito, acqua, marsala, zucchero e sale q.b., con l’aggiunta di morbida uva passa senza semi. L’impasto poi veniva fritto a cucchiaiate nelle forme più strane e casuali, come fossero “nuvole” di deandreiana memoria. Il forno non c’era e non eravamo stati invasi ancora dal panettone con il duomo stampato sul cartone.

C’era però lo spumante con il botto che dava il “la” agli auguri.

Perché stanotte dovrei mangiare tanto e tanta roba che non m’appartiene? Per la paura che l’anno nuovo mi riservi il digiuno se mi scambia per un senza pasto fisso? O per arrivare all’anno nuovo con la bocca allenata dalla masticazione?

Quasi quasi faccio un dispetto. Stasera baccalà fritto, come una volta, lenticchie, scacci, fichi, sfincie e spumante.

E poi il giorno dopo faccio il brindisi vero con il caffè, al sole che sorge, perché a me non va che il giorno cominci a mezzanotte e non all’alba.

Alle Isole Diomede dicono che il lunedì non esiste perché al momento del passaggio di data, tutti si spostano dall’altra parte dove è ancora domenica. Io quest’anno sposto l’inizio dove mi fa più comodo, buon inizio danno (ce lo metto l’apostrofo o me lo conservo per poi?).

Popof 31.12.2010

PS: Eh si, è vecchio sto post, il blog allora era quasi privato, comunque privo di visitatori, ma mi ci ritrovo ancora bene, questo post lo dedico a Libera che nel leggere il suo post me lo ha fatto tornare in mente :).

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in pensieri spaiati, vivere la natura e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

43 risposte a 2 0 1 3 (più o meno)

  1. accantoalcamino ha detto:

    Che bella l’immagine dei trichechi e le foche che si fanno gli auguri 2 volte vorrei essere lì e saltellare da un anno all’altro gioiosamente, grazie popof, ti ho fatto salire nella macchina che mi porterà verso nuove mete, grazie ♥

  2. Rebecca ha detto:

    Caro Paolo, bellissimo post con questo racconto che ci hai regalato.. io provo stare in questi giorni a casa essere serena con la speranza che siano pocchi botti… e a te ti auguro un strepitoso 2013 che sia l’anno comlo di saluta, felicità, gioia e sopratutto d’amore come sempre ti abbraccio con affetto Pif♥

    • popof1955 ha detto:

      Vedrai che Tatanka si troverà un posticino tra i cuscini e le tue braccia 🙂 Buon anno Pif, e se penso a quello trascorso su queste pagine elettroniche, penso che sarà senz’altro gaio.

  3. ili6 ha detto:

    e qui mi par di essere a casa…anzi, lo sono 🙂
    e vaaaai con le lenticchie, il baccalà fritto, le scacciate (impanate) con le verdure, la salsiccia e le patate e gli sfingioni (con l’acciuga o con la ricotta) e tanta frutta secca e l’uva sultanina e i datteri. E anche il panettone (il mio quest’anno sarà agli agrumi) e lo spumante. E la tombola o il mercante in fiera. E quel nastrino rosso ben nascosto sotto i vestiti. E il vischio appeso al muro, sotto dove andarsi a baciare a mezzanotte per gli auguri con le fiaccoline scintillanti in mano che inondano la stanza di luce e di fumo.
    E il giorno dopo il brindisi col caffè, ma nelle tazzine buone, quelle che non usi mai per paura che si rompano, quelle che aspettano 364 giorni per essere vissute e godere di un raggio di sole.
    Auguri, Paolo, felice 2013 a te e famiglia.
    Marirò

    • popof1955 ha detto:

      E c’era anche il tavolo che si allungava per l’occasione e gli otto posti usuali diventavano sedici e una capanna dove ci si infilava tra le gambe dei parenti.
      Vedi mille km e passa di distanza e ricordi in comune, poi alla fin fine questo pianeta ce lo portiamo dentro e le distanze si allungano.
      Buon anno Marirò, e mi sa che nel 2013 c’incontreremo 🙂

  4. Renata ha detto:

    Una volta sperimentai nel lavoro la vastità del globo terrestre, di solito si parlava sempre di differenza oraria, ma quando una donna Hawaiana mi chiese “ma da te, adesso che giorno è ?” compresi immediatamente come si possa vivere lo stesso momento in due giorni diversi….
    Tanti auguri! Renata

    • popof1955 ha detto:

      Benvevuta Renata. Quella domanda della donna hawaiana non è casuale, il senso del tempo che noi occidentali abbiamo sviluppato in senso lineare, altri popoli lo hanno sviluppato in senso circolare o meglio ciclico, come appunto gli hawaiani.
      A ben pensarci, dire che siamo nel 2012 (quasi 2013) è solo un fatto convenzionale, gli isalmici contano 622 anni in meno e gli ebrei 5768 anni in più. Questi quelli che mi vengono in mente, ma che importa? Gli auguri non fanno mai male.
      Buon anno e grazie per il commento,

  5. gabriarte ha detto:

    Tantissimi auguri a te e famiglia di Buon Anno

  6. in fondo al cuore ha detto:

    Tantissimi Auguri caro Paolo a te e ai tuoi cari, un abbraccio!

  7. BELLISSIMO POST….HAI FATTO DAVVERO BENE A RIPROPORLO…
    BUON ANNO!!!!!!

  8. mariella1953 ha detto:

    Bello questo post e mi piace moltissimo l’idea di brindare con il caffè,la mattina,al nuovo anno!
    A me piace alzarmi presto pure se faccio tardi come faro’ domani sera con gli amici!
    Un buon anno a tutti

  9. Beppeley ha detto:

    Ciao Popof! Tanti auguri a te!

    Mi piacerebbe trovarmi in una di quelle isole mentre ci incontriamo a metà strada per farci gli auguri.

    Permettimi una metafora… al dì là delle convenzioni, delle divisioni, dei confini, delle frontiere, auguro a te e a tutti gli amici del blog (ma forse posso dire a tutta l’umanità) di potersi finalmente incontrare a metà strada superando umilmente e con coraggio qualsiasi “barriera” che stupidamente dividie i popoli.

    Siamo un’unica grande, immensa comunità di ominidi che, sparati nell’universo su di una maltrattata “navicella”, dovrebbe soprattutto cercare di vivere qualche minuscolo frammento di eternità in fratellanza.

    Buon 2013!

    P.S.
    Se 303 km sono tanti, troviamoci a metà strada…. 🙂 chissà… forse un cucuzzolo lo troviamo comunque…

    • popof1955 ha detto:

      I confini sono una pura invenzione umana, le barriere naturali (mari, monti, fiumi) sono superabili più quelle mentali, Riuscire a capire la trama di pensieri a cui giunge una conclusione per trovare un nodo comune nella ragnatela, è uno sforzo che non tutti son disposti a fare.

      Scusa se non ho risposto al tuo commento in cui mi invitavi, mi sono perso in altri meandri. Comunque tra giugno e settembre la mia sezione ha in programma 4 uscite (non tutte in montagna) tra Aosta, Torino e la Val Formazza. Il 10 febbraio 2013 ad esempio c’è un’erscursione di sci di fondo a Gressoney Saint Jean (Valle d’Aosta). Insomma si gira, un’occasione prima o poi ci sarà.

      Ciao Beppe, un caro augurio anche a te e a tutti i Camosci Bianchi 🙂

  10. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  11. luciabaciocchi ha detto:

    Complimenti per il menù, amico Paolo! E’ proprio attraverso i sapori e profumi che si evocano tempi lontani e pensieri di un tempo passato che non torna più. Quest’anno è finito? non me sono accorta, ormai per me il tempo non ha molta importanza, ho difficoltà a riempirlo di cose piacevoli e interessanti, la festa di capodanno un ricordo lontanissimo e spiadito…
    Auguri di Buon Anno a te e famiglia!!!

  12. Alidada ha detto:

    buonissimo il baccalà fritto 🙂 ma un po’ indigesto la sera 😉 Io preferisco qualcosa di più leggero, ma sempre “in forma semplice” ..a parte questo, tanti cari auguri a te Paolo e alla tua famiglia, Che il 2013 ci porti pace, salute e prosperità (almeno i primi due ci spero proprio ) 🙂
    Un abbraccione,
    Alidada

  13. Auguri carissimo! WordPress mi dice che sei stato il mio lettore più assiduo: grazie!

  14. zebachetti ha detto:

    Che bel Post tanti auguri Paolo

  15. liù ha detto:

    Mi piace un sacco il baccalà fritto e le sfingi ripiene anche di ricotta ,mia madre le faceva semplici non ci potevamo permettere la ricotta,pero le scacciate dette anche” MPANATE” non dovevano mancare sennò non era Natale e neppure Capodanno.
    Lo spumante non lo abbiamo mai bevuto anche perchè si andava a letto alla solita ora ,mio padre non era tipo di stare alzato per aspettare il nuovo anno,
    Tanti cari Auguri Di Buon Anno Paolo!
    liù

  16. ili6 ha detto:

    Ho appena letto il report 2012 di wp. GRAZIE per i tuoi 96 commenti !
    🙂

  17. ilgiullaredicorte ha detto:

    booooooonoooooooooo il baccala fritto !!! auguri paolo buon anno

  18. Patrizia M. ha detto:

    Tanti auguri di Buon Anno, colmo di serenità e felicità per te e i tuoi cari e magari fosse possibile anche per tutto il mondo
    Patrizia

    • popof1955 ha detto:

      Buon anno Patrizia, e come dici tu sopratutto per il mondo che sembra ne abbia più bisogno, viste le continue tensioni a cui è soggetto e che hanno una ripercussione su tutti noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...