Nun te reggae più? Ah mò?

Dal 1978 quando Rino Gaetano sbeffeggiò i politici e la politica di strada ne abbiamo fatta, a volte in salita altre in discesa, ora sembriamo appiattiti. L’antipolitica alla fine è diventata un inno, non ci sono più i partiti di una volta, e neanche il grana diceva mio nonno. E’ come se quella che noi cittadini sentiamo come una mano invadente nelle nostre tasche si fosse volatilizzata, inghiottita nel buio con il contenuto delle tasche, che non è che siano sempre o solo più vuote, c’è solo la consapevolezza che potrebbero essere più piene di ben altro, come le patrie galere sarebbe bene che fossero piene di qualcos’altro. Se solo avessimo preteso un’onestà costante e trasparente dai nostri rappresentanti, che eleggiamo e paghiamo. Invece rimane solo un senso di fetidume.

Facciamo un gioco, vediamo quante delle cose, dei modelli, delle persone, dei ruoli canticchiati 35 anni fa da Rino Gaetano resistono ancora oggi o in cosa si sono riciclate?

Regolamento:

  • per ogni cosa, ruolo, modello e persona individuata nel testo si guadagna un punto (dicasi 1)

  • al raggiungimento dei cinque punti fate una pausa (la pressione va tenuta sotto controllo anche da giovani)

  • il massimo dei punti assegnabili non lo conosco, io mi sono incazzato prima

  • se non lasciate commenti non vi preoccupate, basta che non ve la prendete con la tastiera, non c’entra. Se usate la tavoletta pulite dopo l’uso, le ditate macchiano.

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica, pensieri spaiati, sc-arti e mestieri. Contrassegna il permalink.

26 risposte a Nun te reggae più? Ah mò?

  1. in fondo al cuore ha detto:

    Infatti la colpa è nostra che abbiamo sempre lasciato correre e loro hanno fatto i loro comodi sempre di più! Bisognava troncare questo schifo da subito.

    • popof1955 ha detto:

      Oggi “Il fatto Quotidiano” pubblica una lista degli impresentabili che andranno a candidarsi, io una motivazione che mi do è che non vado tanto a votare per … ma contro chi non vorrei vedere amministrare i soldi che pago in tasse. Magari prima della data delle elezione si sviluppa sul web una lista con dentro uomini crimini e misfatti.

      • in fondo al cuore ha detto:

        sì infatti….ci si tura il naso e si andrà per esclusione cercando di votare il meno peggio! 😉

  2. Patrizia M. ha detto:

    Direi che sono parecchi!!! Ed in effetti non li reggo proprio più, nessuno escluso, tanto alla fine sono tutti uguali, ma tutti tutti tutti!

    • popof1955 ha detto:

      Io invece continuo a dire che non sono tutti uguali, non sono cloni uno dell’altro. Le cose che decide chi sta nella stanza dei bottoni non sempre possono essere condivise all’unanimità, di alcune si vedono dei benefici immediati, di altre si vedono strascichi lunghi sia in negativo che in positivo. Queste ultime sono le decisioni prese collegialmente, che hanno la necessità del supporto della popolazione. Purtroppo negli ultimi anni abbiamo visto solo leggi a tutela di uno o di una minoranza e il taglio di alcune cose conquistate con anni di lotte e fatica. Il voto bene o male è una possibilità di scelta, anche per restituire il benservito a chi ne ha approfittato.

  3. ili6 ha detto:

    Forse lo conosci già questo video. Ne mancano parecchi ma per includerli tutti ci voleva un intero album!

    • ili6 ha detto:

      quanti punti ho guadagnato??
      ah, ma in palio che c’è?? Che si vince??

      • popof1955 ha detto:

        Il conto devi farlo tu 🙂 Poi come premio apri il frigor e scegli 😉
        Anni fa in una scheda elettorale, ben piegata con una fetta di mortadella in mezzo c’era scritto “vi siete mangiato tutto, questa vi mancava”, verrebbe voglia di ripetere ma far sprecare un proprio diritto è quello su cui puntano quelli che vogliono solo arraffare.

      • ili6 ha detto:

        Il frigo di casa mia in questo momento piange…e tra poco torno a farmi torturare dal dentista…vabbè, posticiperò l’auto- premiazione 😦
        Sì, viene voglia di ripetere ma non lascerò il mio diritto ad altri. Quindi si andrà a votare con lla speranza di votare il meno peggio.

  4. Insenseofyou ha detto:

    Meno male che ogni tanto si incontrano pensieri come il tuo, e si riesce a riderci un po’, ricordando..

  5. accantoalcamino ha detto:

    Ciao Popoff, pensa che mi sto schifando anch’io che ne “mastico poco”, penso, come Maria Rosaria che sotto le maschere dei politici, cambiano i volti, ma la sostanza rimane quella.
    Forse esco dal tema ma sai che tu sei il mio “maestro” per quanto riguarda questi argomenti. Cosa ne pensi delle code per presentare i marchi? Io sono esterefatta, la trovo una cosa così poco seria, ridicola e fa perdere tanto tempo e danaro…. Buona giornata, estesa anche alla Lady ♥

    • popof1955 ha detto:

      Le code per presentare i simboli hanno diversi motivi. Uno è quello di presentare un simbolo prima che un’altro lo cloni abusivamente, e poi c’è il posizionamento. Quando esistevano i partiti, con i simboli che ho incollato sopra, se ben ricordi quasi sempre il PCI era il primo in alto a destra e la DC l’ultimo a sinistra. Erano le posizioni più ambite, voleva dire anche una percentuale del 10% di voti in più, le posizioni che i meno alfabetizzati individuavano meglio, e su cui gli indecisi tracciavano un segno. Spesso accadeva che sul simbolo in basso a sinistra ci fosse un segno, magari uno striscio involontario ed erano lotte verbali sull’intenzione di voto o sulla nullità della scheda. Adesso capisci quanto è importante essere primi o ultimi? Ciao 🙂

      • accantoalcamino ha detto:

        Yes!!! L’ho detto che sei il mio Maestro♥

      • popof1955 ha detto:

        Davvero non lo sapevi? Sul n. 1 ci si potrebbe fare un post, e quasi quasi visto che sono a casa convalescente mi metto a scrivere.

      • accantoalcamino ha detto:

        Non lo sapevo, come sai è un argomento a me ostico, lo sarà sempre ma almeno non rimarrò impriginata nella mia ignoranza 😉 . Allora, facciamo così, tu scrivi ed intanto io ti/vi preparo uno spuntino, leggero ma buono, per allietare la tua convalescenza. Ribacio ♥

  6. serpillo1 ha detto:

    Rino Gaetano, cantautore sempre attuale!

    • popof1955 ha detto:

      Nel 78 Gaetano lo ascoltavo solo se lo passava la radio, non lo consideravo un cantautore ma un canzonettista, poi qualche anno fa ad un’autogrill ho preso il cd Aida, non conoscevo le parole del testo. Se fosse stato in vinile l’avrei consumato a furia di ascolti, perchè Aida in fondo è anche lei una metafora di questa nostra Italia mammona e a sprecona con i figli più impertinenti.

  7. ilgiullaredicorte ha detto:

    son passati 30 anni ma nun è cagnat niente !!!
    anzi forse qualcosa è cambiato…la moneta ,prima erano lire mo sono euro !! la politica non esiste piu non c’è altro da aggiungere è rimasta solo il magna magna !!!
    e noi poveri stupidi che ancora crediamo nelle belle parole !!!

  8. ross ha detto:

    Anch’io negli anni 70 Rino Gaetano lo ascoltavo poco, e ora me ne pento, grande cantautore con testi sempre efficaci e tosti, posso riportare il suo video e anche l’altro(molto divertente) sul mio blog?
    Per il resto che dire? niente! non ci sono più parole.
    Ciao,Ross :@

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...