Pavia, con il naso in sù

E’ un puro caso, non mi segno le date e tranne qualcuna non me ne ricordo tante. In questi giorni però riguardando le foto scattate a Pavia un anno fa di questi tempi,  non ho potuto non notare di averle fatte quasi tutte con il naso all’insù.  Come se i vari architetti succedutesi nel tempo avessero voluto arricchire la città, nei punti dove normalmente non si posa lo sguardo, come ad indicargli una direzione ascetica o semplicemente spezzare la monotonia della pianura con torri, campanili, balconi, pinnacoli e rosoni.

Guardando meglio noto quella foto con i fasciami di metallo e ricordo d’improvviso qualcosa, la vecchia torre civica che si sbriciolò strappando alla vita quattro persone. Era il l 17 marzo del 1989.

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in fotografia, viaggi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Pavia, con il naso in sù

  1. accantoalcamino ha detto:

    Non sono mai stata a Pavia 🙂

    • popof1955 ha detto:

      Vedrai che una volta o l’altra, con i tuoi itinerari gastronomici, ci passi. Ottima cucima, con il riso e i funghi a far da padroni. E che dire del vino? Ci passo una volta all’anno in questo periodo, per andare a trovare il mio amico viticoltore, uno dei pochi indipendenti che produce un buon bonarda (pardon croatina, perchè sfuso e non si può chiamare così) 🙂

  2. ili6 ha detto:

    E’ la parte storica? Molto antica. Non conosco Pavia, dicono sia una bella città.
    E comunque è vero: guardiamo soprattutto in su, come gli architetti del tempo che con le cattedrali sempre più alte sfidavano la gravità e ciò dava un gran senso di onnipotenza

    la terzultima foto è un saper chiaramente cogliere il particolare delizioso.

    • popof1955 ha detto:

      Pavia ha un bel centro storico, sopratutto armonico, nel senso che degrada verso la modernità man mano che ci si allontana dal centro per disperdersi in cascine immerse nelle campagne che tra il Ticino e il Po allevano il riso, e da qualche parte si trovano anche le rane. Nella terzultima foto che citi, quel lucernario che si vede credo sia l’apice del fonte battesimale.

  3. serpillo1 ha detto:

    Ogni tanto è bello stare con naso ed occhi in sù: si scoprono nuove visuali e cambia, in positivo, il tuo punto di osservazione.

  4. Madhu ha detto:

    Oh yes, looking up can bring some delightful surprises 🙂 Gorgeous shots of the old town.

  5. Alessandra Bianchi ha detto:

    Mio padre era nato a Pavia.
    Il post è bello*

  6. che bello qui, ci sono capitata per caso! Continuo a sbirciare e spero tu venga a trovarmi http://odoreintensodicarta.blogspot.it/

  7. arielisolabella ha detto:

    La conosco bene e ci tornò sempre volentieri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...