Due non è il doppio di uno, è il suo opposto

_DSC0696_343 - CopiaSon li, ferme sul confine tra la terra e il mare. Immobili appoggiate l’una all’altra con gli alberi che si incrociano e le assi che si sbriciolano.

Intanto dietro scorre la vita.

_DSC0696_343

Advertisements

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente Umano, fotografia. Contrassegna il permalink.

18 risposte a Due non è il doppio di uno, è il suo opposto

  1. Patrizia M. ha detto:

    Dove hai scattato la foto??? La trovo bella e nello stesso tempo triste….
    Ciao, Pat

  2. ili6 ha detto:

    ci stai regalando una poesia. Non ci saranno gli -a capo- convenzionali, ma tutto è carico di emozione. Foto comprese. Tra il b/n e quella a colori non saprei quale scegliere, forse la seconda per quella luminosità del cielo che dà qualche speranza.
    Quando il 2 è essenza di 1+1 ci si appoggia l’un l’altro. Non ci sono, di solito, altre scelte.

    bentornato, Paolo.

    • popof1955 ha detto:

      Grazie Marirò, il cielo ha sempre una luce che attira il nostro occhio. Gli antichi uomini attribuivano al sole un ruolo divino, vedere la luce diventa normalità quotidiana, normalità se ogni cosa rimane al suo posto come il giorno prima, poi se qualcosa cambia repentinamente sentiamo il buio avvolgerci e la luce diventa una sorpresa.

  3. Niko ha detto:

    Bella foto, preferisco quella b/n, la trovo più d’effetto. Ciaoo 🙂

  4. luciabaciocchi ha detto:

    Buon giorno Paolo! Che piacere rileggerti, bellissime righe le tue come sempre, accompagnate da immagini uniche! 🙂
    Un saluto Lucia

  5. pierperrone ha detto:

    Riflessione profonda, amico itinerante.
    Baci di predizione, chiamiamoli così.
    Amor che conduce a morte!

    Un abbraccio,
    Piero

    • popof1955 ha detto:

      Piero le tue parole mi han lasciato attonito per un attimo, ed ho concluso che hai una grande sensibilità, molto più grande della mia capacità di comunicare.
      Ciao.

  6. Mery ha detto:

    Io mi butto dall’altra parte: una bella vita, un altra vita, arriva, se ne va, resta? 🙂

  7. cucinaincontroluce ha detto:

    Bellissima foto…. un’atmosfera incredibile!
    Ciao, Tatiana

    • popof1955 ha detto:

      Scattandola ho pensato alle centinaia di volte che quelle due barche han tirato su le reti colme di pesci, ovvero di cibo e quindi di vita. In fondo lasciare che sia il tempo a farle consumare e non una rottamazione è un fatto consolante.

  8. gabriarte ha detto:

    Qualcuno muore per dare all’altro la possibilità di vivere in ogni attimo della nostra vita dovremmo avere davanti le tue barche e il tuo cielo bravissimo ciao

    • popof1955 ha detto:

      Tu che il mare lo vivi così vicino capisci bene cosa voglia dire vedere due grosse barche in disarmo. Ricordo una spiaggia in cui giacevano le carcasse di alcune vecchie tonnare, sarà che ero molto piccolo allora, ma a me sembravano tanto grandi, eppure avevano finito il loro tempo. Forse con questa foto ho voluto catturare qualcosa prima che il tempo finisca la sua opera erosiva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...