Caldo d’autunno

Per una visione completa occorre cliccare in uno dei cerchi. 

Uno sguardo all’indietro

Lei: Ma che fai? Stai con l’occhio attaccato allo specchietto? Guarda avanti, piuttosto.

Lui: Ma non vedi che siamo in coda? Siamo fermi, colgo l’attimo che passa attraverso quello che mi restituisce lo specchietto 😉

 

SACRIFICIO E RINUNCIA

Ci sono parole che accompagnano la nostra esistenza in maniera errata, perché allontanate dal loro significato primordiale. Una di queste parole è sacrificio. Viene usato ed abusato in ogni luogo, confondendolo con la rinuncia a fare qualcosa o a compiere una determinata scelta.

Al sacrificio si attribuisce un ruolo di scambio per le rinunce sopportate e le frasi diventano “ho realizzato tutto questo a suon di sacrifici”, mentre sarebbe più opportuno dire che lo si è fatto a suon di rinunce. Già la parola di per se è composta da due parole: sacro e fare, che capovolte rendono meglio l’idea delle radici latine, ovvero fare sacro, far diventare sacro qualcosa di materiale. Non a caso agli dei venivano sacrificati agnelli e colombe. Poi si è arrivati ad accompagnae la parola sacrificio all’aggettivo estremo, tipico dei gesti eroici. Estremo sacrificio che comunque sottintende il plauso divino, anche se in sua assenza ci si accontenta di quello istituzionale o di vicinato umano.

A questo punto è palese la dicotomia dei due termini, la loro netta separazione: il sacrificio ha carattere divino, la rinuncia ha carattere materiale, come tutto ciò che facciamo e possediamo. E’ nel momento in cui il nostro ego si esalta, attraverso gli atti o al suo opposto la rinuncia a compierli, che ci fa sentire immensi, come fossimo il penitente che si infligge il supplizio del cilicio. In quest’ultimo caso il senso di sacrificio è tale in quanto il penitente entra in comunione con l’umanità che soffre, messaggio insito nella fede cristiana, in quanto nella crocifissione di Cristo, Dio si fa carne per capire la sofferenza degli uomini e quindi se sono penitente e soffro, comunico con Dio attraverso il dolore, magari per chiedergli una grazia.

Aver sostituito il termine rinuncia con sacrificio fa subire all’atto della rinuncia un salto di qualità divina. Ma la rinuncia a qualcosa di materiale è solo un atto materiale, anche l’atto di sacrificare la vita di un agnellino (tanto soffre solo lui, povera bestia) è un atto materiale, ciò non toglie che rinunciare è una scelta e come tale può diventare uno scudo di difesa, ma anche causa di conflittualità interiore.

Lettera ad un giovane precario.

Ho trovato questa lettera molto bella e ben fatta, una di quelle cose che avrei voluto scrivere e visto la possibilità che dà word press di rebloggare lo utilizzo volentieri 🙂

Un po' di mondo

Foto Foto “san precario 2013” by gian maria garuti – flickr

Caro giovane precario,

mi chiamo M. sono un quasi cinquantenne e potrei essere tuo padre. Sono uno di quei lavoratori assunti a tempo indeterminato con ferie, maternità, malattie e tutela dell’articolo 18 e lo sono semplicemente per motivi anagrafici:  quando sono entrato nel mondo del lavoro tutti entravamo così, tutti avevamo gli stessi diritti e la parola uguaglianza aveva un senso (ricordi di aver studiato il motto: Liberté, Égalité, Fraternité?).

Oggi i media e tutto il potere politico/finanziario, con la questione dell’articolo 18, vorrebbero mettere voi giovani precari contro  noi lavoratori a tempo indeterminato facendoci apparire ai vostri occhi come dei privilegiati. Vorrei ricordarti che quelli che, in perfetta malafede, vengono dipinti come privilegi sono in realtà diritti dei lavoratori, conquistati con dure lotte dalle generazioni che ci hanno preceduti: i miei genitori e i miei nonni (per te, rispettivamente…

View original post 498 altre parole