Fiore invernale

Questo inizio inverno è anomalo ma la natura mantiene i suoi ritmi e sbocciano fiori non sempre riconosciuti nella loro essenza, alcuni si annunciano con il grande profumo che emanano, come il calicantus, altri si presentano come dei semplici batuffoli come fossero di cotone e solo avvicinandovisi molto se ne scopre la loro vera essenza anche se non se ne saprà mai il nome. Ma c’è il web e un amico che sa come chiamare le cose salta subito fuori: grazie ancora Nuzk, ora so che ero davanti a dei batuffoli di clematide :) 

 

Autore: popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.

25 thoughts on “Fiore invernale”

  1. Ciao Paolo e buone feste! Proprio oggi, in campagna vedevano che gli ulivi germogliano, che la pianta del gelso non ha perso le foglie, che i vasi delle begonie sono in fiore… Che tempo strano, tutti ci auguriamo che arrivino presto le gelate, altrimenti anche il prossimo anno non raccoglieremo l’olio, le noci,le castagne…. una vera calamità per le nostre campagne.
    Un saluto Lucia

    1. Sotto la neve pane diceva una poesia, e non solo anche olio e frutta. Noi umani siamo molto duttili, la natura è molto più lenta, ma prima o poi reagisce ripristinando i ritmi.

  2. Sembrano fiocchi di neve quei batuffoli.
    Da quanto hanno detto, da domani dovrebbe arrivare il vero inverno, con parecchio freddo e nevicate anche in bassa quota. Vedremo….
    Buona serata Natalizia e tantissimi auguri di Serene Festività a te e ai tuoi cari.
    Ciao, Patrizia

    1. Infatti stavo percorrendo un sentiero in montagna, a una quota bassa e quei fiocchi non li ho potuti non notare, la breve escursione era un’alternativa a una sgambata sulla neve assente, almeno sino ai 2000 mt. e quello che mi son detto inizialmente è stato che la natura si produce la neve sintetica-
      Ciao Pat e buona continuazione.

  3. Stamane a Trieste guardavo in giardino il calicanto fiorito accanto a rose, bergenie, pratoline e narcisi, tutti in fiore. Non sanno più neanche loro in che stagione siamo… I batuffoli della clematide sono una mia passione. I frutti piumosi fotografati contro luce sono una meraviglia🙂 Buona serata e Buon Natale

  4. Bellissime foto… A volte siamo così di fretta che non facciamo attenzione a questi fenomeni della natura! Eppure la magia di ogni fiore dovrebbe emozionarci!
    Buon Natale Paolo!!!

    1. Passiamo la vita a intubare cavi, a nascondere tubi, a cercare di abbellire il quotidiano ma spesso non troviamo l’attimo per fermarci a guardare quel che vediamo, una sota serve anche a questo.
      Buon Natale Marco.

  5. Ciao Paolo, per fortuna i miei occhi sanno cogliere gli attimi nell’immensità della natura: è la mia linfa vitale, un abbraccio e rinnovo gli auguri, un abbraccio alla tua lady e Luca❤

  6. Che belle foto!
    Un inverno non ancora iniziato e dubito che arriverò sul serio. Qui il basilico va avanti come fosse settembre e per il primo anno non ho i ciclamini sui balconi: pensa che non si trovano nemmeno dai fiorai e se li chiedi ti rispondono che i ciclamini per stare bene hanno bisogno del freddo che non c’è. Inutile ricordare che siamo quasi a gennaio…

    1. Da noi il basilico quest’anno ha fatto fatica a crescere, sempre con le foglie raggrinzite dalla fresca estate, ne ho messo un po’ in una bottiglia d’olio come al solito ma il condimento non profuma mai come si deve, avevo una mezza idea di conservare un paio di vasi nelle bocche di lupo, l’avessi fatto a quest’ora non ti invidierei gli spaghetti. In giardino ho sistemato delle viole, che si han bisogno del freddo, ma anche qualche grado in più non lo disdegnano e durano sino ad aprile.

    1. Sicuramente ci sono anche da te, risalito al loro nome ho letto che l’aerale di diffusione riguarda tutta la penisola, la fioritura vera e propria presenta dei fiorellini che vanno dal bianco al giallo al lilla, i batuffoli sono i frutti che chiaramente in zone ventose volano via spargendo i loro semi, ecco perché da te non li vedi. Ciao🙂

    1. Alle piante il freddo fa anche bene, penso agli ulivi infestati da una mosca che quest’anno ha decimato il raccolto e i coltivatori aspettano il freddo come una manna che debelli insetti e larve. Discorso diverso per gli uomini e chi non ha un tetto. A Roma a seguito dei fatti di mafia che hanno sconvolto il mondo dei servizi ai profughi e ai rifugiati, molti non hanno un tetto dove andare.
      Auguri Fausta🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...