Contest/azione

Ci sono parole prese a prestito agli anglosassoni che nella nostra radice linguistica significano un altra cosa, parole come contest, che perdono significato e detesto. Ma che cosa costerebbe dire gara, concorso o competizione? No si usa contest, forse ci si vergogna di dire che si fa a gara o che si compete? E allora io contesto, non mi piace gareggiare e tanto meno competere, ma contestare si che mi piace 🙂 .

DSC_0462

Treviglio: Basilica di San Martino

Questa mattina trovandomi a passeggiare per le vie di Treviglio, vie arricchite dall’esposizione del mercatino mensile, in una giornata soleggiata, ho volto il primo sguardo alla basilica attraverso una visione diversa, quella di uno specchio esposto in una delle tante bancarelle. Uno sguardo che una volta a casa mi ha portato ad iniziare un’esplorazione portandomi a conoscere Bernardo e Bernardino (Zenale il primo e Butinone il secondo) due artisti che per vent’anni, tra il 1485 e il 1505 lavorarono insieme ad un’opera, un polittico, ovvero una pala d’altare in cui sono messi insieme singoli pannelli racchiusi in una cornice per dare all’insieme una struttura architettonica. Per saperne e vederne di più basta cliccare qui, c’è molto di più di quel che potrei dire io attraverso delle semplici immagini catturate nella basilica.

Buon ottomarzo

Ogni anno a questa giornata ho dedicato una pagina, quest’anno non può essere da meno. Finalmente ho scaricato le foto dalla macchina, immagini di boccioli in un anticipo di primavera. L’otto marzo è una data importante, segna il rapporto di convivenza tra due generi diversi due mondi diversi quello maschile e quello femminile, me ne accorgo ancora di più in questi giorni che mi vedono ad impacchettare 35 anni di oggetti che hanno condito la vita di coppia: cose mie inutili per lei, cose sue inutili per me, ognuna però con la peculiare proprietà di trasmettere all’altro un segno, un desiderio e un sogno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fontaney nella luce di fine febbraio

E’ un mese che non pubblico nulla sul blog, se faccio il confronto con gli scorsi anni sono rimasto proprio improduttivo. Negli ultimi anni in febbraio ho sempre avuto modo di starmene al calduccio a casa per smaltire qualche influenza, quest’anno niente, si vede che stare spesso all’aria aperta fa bene. Così facendo ho poco tempo da dedicare al blog per eccesso di attività vuoi lavorativa ma anche di impegni nel tempo libero, quindi mi limito a passare a trovare qualcuno dei blog amici e per non far impensierire nessuno, lascio una foto dell’ultima escursione in ambiente invernale. Una scelta frettolosa ma doverosa. Cliccando sulla foto si apre il link all’album su skydrive.1-DSC_0131