Treviglio: Basilica di San Martino

Questa mattina trovandomi a passeggiare per le vie di Treviglio, vie arricchite dall’esposizione del mercatino mensile, in una giornata soleggiata, ho volto il primo sguardo alla basilica attraverso una visione diversa, quella di uno specchio esposto in una delle tante bancarelle. Uno sguardo che una volta a casa mi ha portato ad iniziare un’esplorazione portandomi a conoscere Bernardo e Bernardino (Zenale il primo e Butinone il secondo) due artisti che per vent’anni, tra il 1485 e il 1505 lavorarono insieme ad un’opera, un polittico, ovvero una pala d’altare in cui sono messi insieme singoli pannelli racchiusi in una cornice per dare all’insieme una struttura architettonica. Per saperne e vederne di più basta cliccare qui, c’è molto di più di quel che potrei dire io attraverso delle semplici immagini catturate nella basilica.

Autore: popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.

23 thoughts on “Treviglio: Basilica di San Martino”

  1. le chiese in generale sono sempre stati grande opere di archidettura.. bellissime foto caro Paolo abbi una felice giornata.. Pif😉

    1. In quei secoli (e anche oggi per altri versi) le chiese erano luogo di culto, crocevia economico e quindi politico, l’arte entrava nelle chiese come fossero l’anticamera dei palazzi civili non adibiti ai culti, se non altro oggi ne possiamo ancora gustare l’opera, a volte gratuitamente altre pagando come per qualsiasi museo.

      1. e sopra tutto sono anche dentro più bello… più arte… non so se mi spiego bene

    1. Quando compiamo un lungo viaggio e visitiamo luoghi e architetture lontane, la gioa anche di essere lontani da casa, ci fa sembrare le cose ancora più belle, per quelle vicine rinviamo il il momento della conoscenza perché una vocina dentro sussurra che per farlo c’è sempre tempo mentre un viaggio lontano ha la gabbia temporale limitata.

      1. Succede proprio come dici tu, ma lo scoprire la bellezza e ricchezza che ci attorniano più da vicino ci insegna anche a dare valore alle cose che diamo per scontate, e a trovare le nostre radici.

  2. Un ottimo consiglio, Paolone, per una visita ed una vacanza, oltre che per un approfondimento culturale sul sito.
    Vado ad acculturarmi.
    Buona serata.
    Un abbraccio,
    Piero

    PS. Belle le foto, specialmente quella allo specchio.

    1. Il periodo storico dei XV e XVI è forse il più rigoglioso della nostra storia, un’esplosione di talenti per tutta la penisola e molti angoli restano in ombra. Sai la prima volta che misi piede nelle Marche ricordo una sensazione che il fulgore di quanto accadeva sul Tirreno abbia messo in ombra quanto avveniva sull’Adriatico figurarsi con le terre di mezzo. Sai che non sono mai stato a Bologna che so raccolga meraviglie?

    1. Treviglio è un piccolo borgo di 20.000 abitanti circa, un passato di arte del legno e un presente di industria metalmeccanica (Bianchi/Same-Lamborghini), con radici contadine e vie così strette che in auto si rischia di restare bloccati tra i muri delle case. Come tutte le zone fredde la vita si svolge dentro delle pareti, prima o poi devo andarmene in giro a far foto ai tanti cortili nascosti agli sguardi.

  3. Una passeggiata, quindi, molto produttiva. Non so se hai acquistato al mercatino, di sicuro hai scoperto tante notizie interessanti e inoltre hai scattato foto particolari.
    La pala della basilica è interessante, l’organo è molto elegante.
    Alla prossima giornata di sole, quindi.
    Qui non ti dico che giornata di pioggia e tempesta che abbiamo avuto…

    1. In effetti volevo fare delle foto ai vari oggetti che si trovano nei mercatini, poi quell’immagine nello specchio mi ha fatto cambiare idea e sono entrato nella chiesa in cui in 15 anni che ci abito vicino, non ero mai entrato, e tanto meno sapevo del polittico visto che non è molto sponsorizzato o meglio non è inserito in una rete di luoghi e cose da visitare. In Francia mi è capitato di andare a visitare dei sassi sconnessi e mura cadenti seguendo dei cartelli che per chilometri reclamizzavano l’attrattiva, qui capita che qualcosa di pregio, circondata da chiostri, cortili e quant’altro passano inosservati, tra l’altro credo che più di metà del territorio di Treviglio appartenga alla Chiesa e chissà, magari tende a tenere per pochi intimi i suoi beni.

  4. Bellissime foto e bellissima Chiesa. A me è capitato più volte di vedere una chiesa dall’esterno, non considerarla per niente e poi una volta entrato dentro, scoprire che nasconde tesori nemmeno riportati nelle guide turistiche. Purtroppo mentre i francesi sanno valorizzare anche i sassi, noi lasciamo marcire nell’indifferenza interi capolavori!
    Meno male che almeno domani c’è il weekend del FAI e qualche capolavoro viene recuperato e aperto al pubblico!

    1. Per un verso o per un altro non sono mai riuscito a sfruttare i fine settimana del FAI, e anche questa volta dovrò rinunciarvi e rinvierò il tutto ad una prossima volta.

      1. Anch’io ho dovuto rinunciare al week end del FAI per problemi familiari… avevo tutto il programma della provincia di Firenze con due o tre idee interessanti… Sarà per un’altra volta!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...