Legge elettorale e discussioni inconcludenti

In questi giorni il Governo Renzi affronta il nodo cruciale della legge elettorale. Se ne è parlato molto e a lungo per non decidere mai. Non so chi disse “noi tedeschi prima discutiamo e poi decidiamo, voi italiani prima discutete e poi continuate a discutere”. Detta così sembra una battuta, ma in definitiva è la verità. 

Nel dicembre dello scorso anno scrivevo sull’argomento, ma anche due anni prima, in definitiva di riforma elettorale se ne parla da anni e mai si conclude. In precedenza il Parlamento ha partorito il mattarellum prima e poi il porcellum, da quali maggioranze sono state elaborate quelle leggi? Erano buone leggi? Su questa che sta per essere varata è un pezzo che si discute, a gennaio 2014 sembrava che il nodo fosse lo sbarramento che poi è stato fissato al 3%,  cliccare qui per rinfrescarsi la memoria. Forse il Parlamento di queste cose ama parlamentare all’infinito.

Ma vediamo un poco chi si oppone a questa legge o al metodo adottato per la sua formulazione ovvero l’adozione del voto di fiducia. Su questo punto un dignitoso distinguo viene posto dalla minoranza del PD, che non è una minoranza del 3 o del 10%, bensì una parte consistente del partito che secondo me nel voto di fiducia vede sminuito il ruolo del Parlamento. Su questa presa di posizione soffia Forza Italia, la Lega e il M5S, le cui speranze di sopravvivenza sono legate più ad una diminuzione dei voti del PD che ad una propria capacità critica e politica. La riduzione percentuale del PD sarebbe consistente qualora ci fosse una scissione interna.

Insomma l’elettore non sta a cuore a nessuno, nessuno parla di ridare fiducia al quel 45% dell’elettorato che sempre più si astiene dal voto, che annulla o vota scheda bianca. Ben venga il voto di fiducia in questo frangente, sarà poco democratico ma la democrazia è fatta anche di numeri, le leggi personali del ventennio berlusconiano sono democratiche? sono state votate da maggioranze democratiche? oppure eravamo più bravi ad ingoiare i rospi forzisti?

 DSC_0084

La parata del 25 aprile

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ho voluto trascorrere la giornata odierna in città per seguire con la fotocamera il corteo, o manifestazione, o commemorazione, della festa della Liberazione.

Nella mia città (sempre ché mi diano la cittadinanza, pardon residenza) a guida leghista, il dubbio sulla reale portata dell’evento è ampio, la bilancia pende verso una commemorazione di facciata. Durante la sfilata il passo era cadenzato dai ritmi militari in 6/8, poi c’è stato il gran finale con gli alzabandiera di tre bandiere: la nostra, quella USA e quella UK con relativi inni e concertino bandistico (quattro bande musicali efferenti ad altrettanti corpi militari) in cui spiccava il bel “volare oh oh” di Domenico Modugno, musica buona per i sognatori ma anche per gli aviatori ed i paracadutisti. Non so se la Giunta ha pesato sulla scaletta ma visto che stupido non sono, credo di si (nella scaletta c’era anche “o suddato innammurato”), a seguire forse i discorsi delle autorità e la Messa, dico forse visto che ho disertato il finale per andare a caccia di immagini più valide.

Il 25 aprile per le Istituzioni è una data importante, ma c’è modo e modo per spendere i soldi pubblici. Con la Festa della Liberazione, purtroppo, si sancì una sorta di “vulemose bene” per non trascinarsi in una sanguinosa guerra civile. Si consenti ai fascisti di cambiare casacca, bandiera e faccia (per il cuore bisognava aspettare Barnard), per amor di vivere. Che dopo 70 anni ci sia chi si fa stipendiare dallo Stato addobbandosi con una fascia tricolore come fosse un albero di Natale, per costruire la sua personale barricata, m’infastidisce non poco. Perchè nella vita bisogna scegliere, o sei amico dei fascisti o sei servo della Costituzione, entrambe le cose non vanno bene, per quanto si possa “Volare” i piedi per terra bisogna metterli. L’atterraggio è sempre più rischioso del volo.

Domani manifestazione dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Amministrazione Comunale assente e manifesti strappati.

La sera prima della festa di Liberazione.

Ieri sera ho voluto fare un giro per la città, cercando d’immaginare come potesse essere trascorsa 70 anni fa la notte che anticipava la liberazione.

Liberazione è un sostantivo attivo, che necessita di un’attività per essere conseguita, settanta anni fa quel giorno fu preceduto da azioni di lotta. Settantanni dopo, vale a dire oggi, la festa è preceduta da preparativi che vanno dagli imbandieramenti delle vie principali alla preparazioni delle orazioni per ricordare quel giorno. La notte oggi trascorre tranquilla, liberi di non doverci liberare. 

Sorelle mie…

Questo articolo, scritto da un’amica qualche anno fa, è più che mai attuale. Il ring mediatico si è acceso da giorni dimenticando le madri che han saputo o sapranno del destino dei loro figli, ci sentiamo invasi e dimentichiamo che anche noi scapperemmo da un incendio.

liberamentesemplice

Compianto di Nicolo' Dell'Arca, Bologna II

Vi vedo  sorelle  della riva opposta alla mia… arrivano fin qui, portati dallo scirocco, e sarebbe giusto arrivassero in ogni dove, il suono dei vostri gemiti, le urla della vostra disperazione assoluta, il vostro j’accuse. Vi percepisco piegate nei vostri esili corpi a rotolare nella sabbia arsa,  bagnata da fiumi di lacrime a strapparvi i capelli e le carni. Il vostro dolore è anche il mio, il nostro. Chiedo perdono ben consapevole di non meritarlo, troppo poco facciamo per evitare che il mondo giri in maniera anomala e contronatura.

Vorrei potervi abbracciare forte forte ad una ad una per riuscire a stordirvi e alleviarvi lo strazio anche solo per un attimo. Sento il peso, la grandezza, l’enormità del vostro dolore…un dolore straziato, umano, viscerale, terreno, non rassegnabile, non giustificabile, non accettabile.

Quale Dio potrà consolare il dolore di una madre, se questo dolore non ha una ragione? Solo pochi giorni prima…

View original post 327 altre parole

Occhio di falco

Dal prossimo campionato di calcio per dirimere la questione importante riguardante una palla che supera la linea di porta verrà usata una telecamera speciale, già in uso in altri sport che usano palle più piccole. Questa telecamera sarà chiamata occhio di falco.

Bei tempi quando bastava un pallone due porte due guardalinee e un arbitro per decidere il risultato di una partita, spesso restavano i dubbi, si discuteva per giorni e si argomentava per anni sulla reale fattura di un goal. Poi è arrivato il quarto uomo e da qualche anno i guarda porte, in pratica oltre ai 22 calciatori ed ai raccattapalle si aggiungono 6 persone per stabilire se un’azione è lecita. Nei campi di calcio l’occupazione è aumentata? Sicuramente nelle scuole arbitrali, per adeguarsi ai tempi. 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tesoretto? E’ solo il primo

In vista del DEF il Governo trova soldi che non si aspettava. In questi casi la mia retorica mi porta ad una duplice domanda: è un caso o era tutto calcolato? Se è un caso vuol dire che paghiamo le tasse a degli incompetenti che non sanno prevedere i costi e provvedere ai bisogni della collettività, se invece è stato tutto calcolato è un atto criminale. Resterà sempre il dubbio.

Ma il mio titolo dice anche che è solo il primo tesoretto dell’anno. Il secondo tesoretto arriverà intorno a novembre o al massimo nei primi tre mesi del 2016, quando saranno più chiare le entrate fiscali. Difatti tra qualche mese i lavoratori dipendenti presenteranno le loro dichiarazioni dei redditi. Prendo in considerazione solo i lavoratori dipendenti in quanto unici beneficiari delle famose 80 €, una cifra che diminuisce al crescere del reddito. In massima parte i lavoratori dipendenti, io per primo, hanno fatto il ragionamento del meglio un uovo oggi che una gallina domani, così con la presentazione del mod. 730 scopriremo che il rimborso per oneri detraibili e/o deducibili sarà minore delle aspettative in quanto nel reddito da lavoro dipendente non abbiamo chiesto al datore di lavoro di considerare anche la rendita degli immobili posseduti ed altro. Buona parte dei lavoratori dipendenti questo lo sa, il Governo (o i tecnici contabili) però diranno che le entrate fiscali sono aumentate e quindi i giornali strilleranno di nuovo al tesoretto, come  fosse un gratta e vinci. 

233

La giostra del Palazzaccio

1-DSC_1196

Un anno fa ho scattato questa foto, una foto normale come tante, foto anonima, senza storia e senza gloria anche perché nel farla c’era qualcosa che mi infastidiva. Oltre alle auto in sosta sul piazzale c’era quella giostra in primo piano. A distanza di una anno mi chiedo ancora quale sia l’utilità di una giostra davanti alla sede della Corte suprema di cassazione, del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Roma e della Biblioteca centrale giuridica. Oggi è Pasqua, chissà se la giostra è ancora li ad allietare con musiche dondolanti chi decide di farci un giro, ad ogni modo Buona Pasqua a chiunque sente il bisogno di un giro di giostra.