Occhio di falco

Dal prossimo campionato di calcio per dirimere la questione importante riguardante una palla che supera la linea di porta verrà usata una telecamera speciale, già in uso in altri sport che usano palle più piccole. Questa telecamera sarà chiamata occhio di falco.

Bei tempi quando bastava un pallone due porte due guardalinee e un arbitro per decidere il risultato di una partita, spesso restavano i dubbi, si discuteva per giorni e si argomentava per anni sulla reale fattura di un goal. Poi è arrivato il quarto uomo e da qualche anno i guarda porte, in pratica oltre ai 22 calciatori ed ai raccattapalle si aggiungono 6 persone per stabilire se un’azione è lecita. Nei campi di calcio l’occupazione è aumentata? Sicuramente nelle scuole arbitrali, per adeguarsi ai tempi. 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Advertisements

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in sc-arti e mestieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Occhio di falco

  1. pierperrone ha detto:

    Caro Paolo,
    ho solo pessime considerazioni sul calcio italiano.
    Te le risparmio per non annoiare.
    Ma la foto, cos’è… il monte “occhio di falco”?

    Piero

    • popof1955 ha detto:

      Mi sono accorto di non aver mai fotografato un falco, poi cercando tra le foto fatte anni fa in Bretagna ho trovato questa foto in cui si distingue come un volto, tra l’altro credo che si tratti della roccia dell’Excalibur 😉

  2. era molto meglio una volta! non è più uno sport è un business…non lo sopporto più!

    • popof1955 ha detto:

      Il calcio è un affare lucroso, trent’anni fa a Milano ho contato 46 sale teatrali e cinematografiche, tutte insieme non arrivavano ad avere in tre mesi gli spettatori che aveva lo stadio Meazza in una sola domenica, i calciatori in fondo sono degli attori che recitano sempre lo stesso ruolo e la gente si accapiglia per loro.

  3. Patrizia M. ha detto:

    Se continuano così saranno più numerosi quelli che devono controllare, dei giocatori e alla fine si capirà sempre di meno per il troppo caos.
    Ciao, Pat

    • popof1955 ha detto:

      Questo post all’origine finiva con una frase del tipo: tutto bene, d’altronde abbiamo un Diritto con diversi gradi di giudizio e non si possono esprimere condanne per qualcosa di non previsto nell’ordinamento legislativo.

  4. gabriarte ha detto:

    iniziamo ad invecchiare tra non molto spariranno anche i giocatori al loro posto giocheranno piccoli robot ciao buona serata

  5. mariella1953 ha detto:

    Il calcio mi piace sempre anche se ,volutamente ,cerco di non pensare a cosa si sta riducendo……
    La Bretagna è uno dei posti che più mi sono piaciuti tra quelli che ho visitato!
    Ciao e buona serata!

    • popof1955 ha detto:

      A tutti gli effetti le uniche partite che guardo volentieri sono quelle dei mondiali, per il resto tutto il calcio lo trovo ripetitivo. Negli ultimi anni un poco di interesse l’ho avuto quando ho visto il Chievo degli anni zero (si era forse nel 2003) che per un attimo mi ha ricordato l’Olanda degli anni ’70, altri tempi.
      Anch’io ho un bel ricordo della Bretagna, le cose che più mi aveva colpito erano le maree con le barche in secca a chilometri dal mare, gli incroci delle strade secondarie con i crocefissi in pietra, i cimiteri sul sagrato delle chiese e la musica che fiorisce in ogni angolo quasi più che a Napoli 🙂

  6. Alidada ha detto:

    io non mi intendo di calcio, ma non credo che queste nuove regole migliorino le cose.. sempre più spesso ci capita di guardare al passato con nostalgia. Buonanotte Paolo

  7. ili6 ha detto:

    vedi come cambiano le cose? Oggi un goal vale soldoni, contratti, pubblicità, azioni in borsa…altrochè genuine e appassionate discussioni in piazza o al bar!

    • popof1955 ha detto:

      Quando la Lazio fu quotata in borsa si diceva che un goal poteva avere tra il venerdì e il lunedì un effetto del 3% sulle azioni: mi sa che l’unica piazza Affari è l’unica in cui si discute in modo appassionato di pallone (e gli ultrà hanno il compito di fare da specchietto per le allodole).

  8. ili6 ha detto:

    Bella la foto: sembra una gigantesca civetta, quella che vede bene al buio. Ci vorrebbe in un campo di calcio 🙂

  9. Alidada ha detto:

    buon fine settimana Paolo 🙂

  10. unpodimondo ha detto:

    Diciamoci la verità: in tutti gli sport è entrata la tecnologia perchè spesso l’occhio umano non vede quello che vedono le macchine. Dal fotofinish ai vari occhi di falco nel tennis o nel volley a volte è richiesta una precisione e una velocità a cui l’occhio umano non arriva.
    E poi sai, nella pausa in cui gli arbitri vanno a controllare l’occhio del falco, quanta pubblicità le tv potranno mostrare ai telespettatori!

    • popof1955 ha detto:

      Senz’altro quest’ultima è la verità, creare spazi pubblicitari allungando i tempi, magari si arriverà a fare come nel basket con l’orologio che viene fermato per time out.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...