Crowdfunding: questo sconosciuto

La parola crowdfunding è bella, la prima volta che l’ho sentita (scusate il ritardo) è stato il 25 Aprile di quest’anno al concerto tenuto dagli Yo Yo Mundi a Vimercate (MI), a quel concerto dedicato alla festa della liberazione dal nazifascismo il gruppo eseguiva molte delle canzoni resistenti di loro produzione e non, intervallate a brani del loro nuovo album “Evidenti tracce di felicità” (il video in alto è quello che apre il CD), disco appunto sviluppato in crowdfunding, che in parole povere significa che chi ama la musica di un musicista, acquista il disco prima ancora che questo venga fatto e commercializzato. Un microfinanziamento per la realizzazione di un progetto. Purtroppo non sapevo di questo autofinanziamento e l’unico modo per avere il CD è stato quello di andarlo a cercare di persona, a Vimercate appunto.

Tornando al crowdfunding è un metodo che ho trovato affascinante, fa risparmiare benzina e la buona musica, che non passerà mai dai canali stereotipati delle grandi case discografiche o dalle radio e televisioni standardizzate, trova un modo per sopravvivere. Wikipedia spiega molto bene cosa significhi il termine e da dove derivi (e a me non va di fare il copia incolla, chi vuole approfondire clikki sul link).

Comunque sia, dal momento che ho scoperto questo meccanismo avevo intenzione di suggerirlo ad alcuni dei musicisti che conosco, come ad esempio i Niggaradio, il gruppo di Catania di cui ho scritto qui. Ma oggi girando per le pagine di facebook ho trovato l’annuncio del crowfunding proprio dei Niggaradio. Quale occasione migliore per acquistare in anteprima e dare un contributo allo sviluppo della buona musica?

Se clikkate sul link potete partecipare anche voi all’iniziativa, si paga con il sistema Paypal se registrati, in ogni caso è sufficiente una normale Postepay, e se il progetto non si realizza si viene rimborsati. Chiaramente il progetto ha un termine, rimane poco più di un mese di tempo per il termine dell’iniziativa. Per chi ama la musica e crede che questa debba sopravvivere insieme alla sua indipendenza è una buona occasione e dare una mano a chi percorre nuove strade con le proprie gambe.

 

Autore: popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.

18 thoughts on “Crowdfunding: questo sconosciuto”

  1. Da un po’ di tempo mi servo di questo sistema per dare una mano ad artisti emergenti – che però non ce la farebbero da soli ad “emergere” per l’impossibilità di registrare un disco o un video….
    Un aiuto, anche piccolo, e tutti insieme ce la facciamo!!!!
    Grazie Popoff, un saluto

    1. Grazie a te Fausta, è bello sapere che iniziative di questo tipo abbiano un seguito.
      Nel post non l’ho scritto, ma sarebbe bello se chi ha un account facebook condividesse questo link al fine di non continuare a nutrirci di musica prefabbricata. Ciao🙂

  2. Voglio contribuire! Sto seguendo il link che hai indicato. Andrò direttamente nel loro studio e poi una cena a Nicolosi si può fare certamente, il ristorante è ottimo, lo conosco e poi c’è il disco autografato.
    Grazie per il post, non sapevo .

    1. Sto scoprendo anch’io ogni giorno che nuove possibilità ci vengono offerte nella rete, idee che possono essere anche nostre e portate avanti con iniziative di questo tipo. Stando sempre al campo degli artisti indipendenti, cioè quelli non legati alle grandi case discografiche, oggi mi è arrivato anche il cownfunding dei Modena City Rambler che riunitisi con Cisco stanno dando vita ai Dinosauri. Ma penso anche alle tante possibilità di idee, sopratutto sociali, realizzabili con questo sistema. Ciao🙂

  3. Il crowdfunding serve per un sacco di iniziative sociali. Ad esempio a Firenze il gruppo delle “Mamme no inceneritore” ha attivo un crowdfunding per comprare e autocostruire delle centraline per il rilevamento dell’inquinamento atmosferico. Purtroppo quelle pubbliche del Comune e di Arpat sono poche, spesso non funzionano e soprattutto sono messe volutamente in luoghi poco inquinati: tipo nel mezzo del Giardino di Boboli, anzichè lungo i viali cittadini…
    (qui http://www.mammenoinceneritore.org/2016/05/14/aria-tira-online-nostro-primo-crowdfunding/)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...