Tordino

La piccola oasi fluviale tra i comuni di Giulianova e Roseto degli Abruzzi è un angolo di delizia per chi apprezza la natura. Una pista ciclopedonale collega le due cittadine separate dal fiume Tordino e un ponte, vicino alla foce, unisce le due sponde. L’altezza del ponte consente con l’ausilio di un discreto teleobiettivo, una caccia fotografica molto soddisfacente.

(Cliccare su un punto qualsiasi della slide per visionare le foto una ad una)

Tra cigolii e cinguettii.

Sino ad un paio di mesi fa avevo il grande desiderio di percorrere tutto il tratto del parco dell’Adda Nord che va da Vaprio d’Adda a Lecco.

DSC_0002
La Centrale di Trezzo s.A.

Finalmente l’occasione di soddisfare il desiderio si è presentata, l’escursione che sognavo di fare da una vita mi veniva proposta dal gruppo Senior del Cai di Vaprio. Una gita in bicicletta costeggiando il fiume, una sgroppata di 44,8 km da farsi 2 volte perché a casa bisogna pur tornarci, su strade sterrate (finalmente tutte percorribili), in un ambiente “all’apparenza” integro. Uso il virgolettato perché la voglia di fare una cosa e la curiosità che mi muove non mi esimono dal domandarmi in cosa consista effettivamente l’integrità ambientale. In pochi chilometri si costeggiano almeno quattro centrali idroelettriche (ma so che ho perso il conto), tutte in stile eclettico lombardo, oltre le ripe, a poche migliaia di metri dal letto del fiume, si celano impianti industriali e via discorrendo. La macchina fotografica inquadra solo quel che mi piace, per fortuna non ho le ali e il mio sguardo non si spinge oltre gli alberi. Però quello delle centrali è proprio un bel vedere, draghi e mattoni su colonne doriche alla fin fine sono piacevoli da vedere.

 

(Cliccando sulle immagini si ingrandiscono in slide)

Comunque il percorso non è tutto centrali idroelettriche, c’è lo spettacolo del fiume, dei luoghi abitati che attraversa, dei laghi generati dalle dighe, degli ex ponti ferroviari riutilizzati per il cicloturismo.

 

(Cliccando sulle immagini si ingrandiscono in slide)

L’arrivo a Lecco naturalmente non è solo un punto d’arrivo,  malgrado i km macinati non si può rinunciare a salire il matitone che sovrasta la città. I suoi 98 metri sono una passeggiata tra fresche pareti, non si può essere ancora soddisfatti se non si rimira il panorama dall’alto.

 

(Cliccando sulle immagini si ingrandiscono in slide)