Il G7 dell’Agricoltura a Bergamo

DSC_0101

Ieri avevo proprio voglia di fare una passeggiata a Bergamo. Naturalmente avevo dimenticato che c’era il G7 dell’Agricoltura. Me ne sono ricordato strada facendo, ma giunto in centro alla città bassa imbandierata a festa, con sorpresa ho visto un pannello con su scritto “città alta posti disponibili in strada”.

Vista la mia indole che rifugge le folle e detesta le grandi occasioni me sarei già tornato a casa. Qualcosa però deve avermi fatto cambiare idea, e cosi parcheggiata l’auto ho preso la funicolare per la città alta. Nessun affollamento, tutto come una normale giornata di sabato pomeriggio, solo un bel po’ di vigili in più e tanta rilassata polizia oltre che Carabinieri e GF. Niente blocchi se non nei punti in cui si svolgevano gli incontri, per il resto per noi normali cittadini una giornata come le altre, come si vede anche dalla foto sopra. Ho notato che i due ristoranti da me preferiti erano isolati dalle forze dell’ordine, ma con i tavoli pronti ad accogliere gli ospiti per cena.

Beh niente male come organizzazione, chissà forse è merito del fatto che il Ministro Martina è di casa e bisognava fare bella figura (i poliziotti però farebbero bene a radersi e farsi stirare i pantaloni in queste occasioni), fatto sta che dell’evento la città ne sta guadagnando.

Annunci

Informazioni su popof1955

Se fai un giro nel mio blog puoi apprendere qualcosa in più di quel che so io di me.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente Umano, Notizie e politica, sc-arti e mestieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il G7 dell’Agricoltura a Bergamo

  1. Enri1968 ha detto:

    Ehm sono sbirri… comunque sarebbe una bella cosa che prevalessero temi come l’agricoltura sostenibile.

    • popof1955 ha detto:

      Dai post che ricevo di Martina e affidandomi al fiuto (chi è quel Ministro che andrebbe ad una festa dell’Unità per un convegno di Libera in pieno agosto in assenza di elezioni?) penso che l’orientamento attuale del ministero vada proprio in questo senso 😉

    • popof1955 ha detto:

      Dimenticavo della polizia. Non è che io sia un elegantone, una mia collega di lavoro mi diceva “quando la smetti di vestirti da pastore”, ma ricordo che quando ero soldato (40 anni fa) per le cerimonie (ero nella Banda) si andava lustri, malgrado i pantaloni li si stirasse tra il materasso e la brand. Ieri erano davvero squallidi con i pantaloni che sembravano sdruciti e il loro aspetto adiposo ricordava il sergente Garcia della serie di Zorro. Forse bisognerebbe spiegargli che la divisa da parata non è la tuta blu da combattimento (in fondo per il loro lavoro percepiscono uno stipendio e sarebbe bene essere disponibili ad adattarsi alle necessità).

  2. Enri1968 ha detto:

    Bene per la città comunque.

  3. ili6 ha detto:

    In questo momento sono a Bucarest e stamattina si è svolta una imponente maratona per le vie principali della città. Tutto bloccato, spiegamento gigantesco di polizia e vigili urbani. Non sono mancati efficienza organizzativa e divertimento per tutti. Alle divise non ho fatto caso tranne a quelle delle squadre antiterrorismo, con a corredo mitraglietta e pistola.

    • popof1955 ha detto:

      Beh si vede che da quelle parti il demone della paura colpisce più che da noi (e meno male che tengono le frontiere blindate e non rispettano le regole UE, ONU e Umane sui rifugiati), qui si erano tanti ma quasi stravaccati, un bel po’ di palestra e vita all’aria aperta non gli guasterebbe 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...