Gölem (Monte Guglielmo)

La lingua italiana non sempre è perfetta nella traduzione per la denominazione dei monti. Mi viene in mente il Monte Disgrazia che in origine era Disglascia ovvero di ghiaccio che si scioglie, ribattezzato con un nome nefasto. Nel caso del Monte Gugliemo il suo nome dialettale originale era Gölem con radice latina che deriva da culmen, ovvero colmo,  ad indicare una montagna di media altezza poco impervia e priva di vegetazione, la traduzione non rende per niente l’idea. non ci sono guglie e al massimo è assimilabile alla forma dell’elmo.

Un’escursione sulle pendici del Gugliemo non presenta difficoltà, nella stagione invernale è meta sciistica ed in quella estiva il traffico autoveicolare è regolato da un ristorante sulle sue pendici che rilascia i permessi a cani e gatti, per la gioia di escursionisti e mountain bike che nel primo tratto di salita possono respirare un poco d’aria cittadina che spezza la monotonia dei profumi del bosco.

La carrareccia ha però anche l’aspetto positivo di mantenere in vita le malghe con centinaia di capi d’allevamento, i pastori grazie alla carrareccia non sono costretti all’isolamento e mantengono in vita l’attività. Ad esempio nel mio precedente post su Schilpario, a parità di altidudine, nelle foto si vedono delle baite ormai abbandonate, purtroppo quando si è giovani è più forte la voglia d’inseguire la vita che non quella di viverla, quando lo si capisce è tardi e si è vecchi. Un’altra ragione dell’abbandono di molte montagne è che molto spesso i terreni montani non sono di proprietà di un pastore, questi deve affittare il pascolo e a parità di costi sceglie il meno gravoso. 

Tornando alle foto un’altra cosa di una certa importanza sono le quattro facciate della cappella, interamente eseguite con la tecnica del mosaico. Distratto dal simpatico puledro non ho penato di fotografare ed ingrandire almeno un particolare.DSC_0029(cliccare sula foto per accedere all’album)

Cookie Law Banner: Non fatevi terrorizzare!

popof1955:

Rebloggo volentieri questo post, avevo fatto tra me e me le stesse considerazioni dell’autore, prima di sera, anzi prima di domani aggiornerò il tutto con quanto suggerito.

Originally posted on Fotogrammi e Pentagrammi:

Alcuni blogger stanno diffondendo l’opinione che il banner privo del pulsante di blocco dei cookie non sia valido ai fini delle normative previste.

Non è vero. Il garante ha chiarito che il sito deve fornire al navigatore le informazioni necessarie per documentarsi e per eventualmente disattivare  i cookie DAL BROWSER.

Se curiosate sui siti commerciali, ad esempio, non troverete da nessuna parte il pulsante di blocco anche perché ogni browser ha le sue procedure che, di conseguenza, non possono essere standardizzate.

In questo post, un esempio. Cliccando si accede all’informativa. Con l’ok si accetta e si prosegue la navigazione.

Non fatevi terrorizzare. La vicenda è chiusa.

TIM_1

TIM_2

View original

Romano di Lombardia

Con i tempi che corrono e sulla scia delle vicende poco pulite a Roma e dell’Expò a Milano il titolo potrebbe sembrare un ironico ossimoro. Non è così, Romano di Lombardia è il nome di una cittadina della bassa pianura bergamasca. Per anni ne ho sentito il nome attraverso l’annuncio degli altoparlanti della stazione ferroviaria “treno locale per Brescia parte dal binario 5, da Romano a Brescia ferma in tutte le stazioni”,  naturalmente non era il mio treno, immancabilmente il mio veniva annunciato dopo e con qualche minuto di ritardo, o così ricordo, oltre il verde dell’erba del vicino anche il treno del vicino è più puntuale. Oggi dopo tanti anni di vicinato ho deciso di andare a Romano di Lombardia scoprendo una cittadina dall’architettura rinascimentale con profonde radici medievali. Il nome poi ha una diversa lettura. Il termine Romano non sta per facente parte del Sacro Romano Impero,  in dialetto e nella  dicitura medievale viene citato come Rumano,  dalla radice indoeuropea RU da cui derivano ruscello e rio, è chiaro il significato di borgo edificato in zona ricca d’acqua corrente, con riferimento al limitrofo fiume Serio, i canali che si irradiano dentro e fuori la città fanno il resto.

Fondato come borgo autonomo nel X secolo, per la caratteristica di essere in terra di confine ebbe la prerogativa di porto franco sino alla fine del 1700. Con questa caratteristica si prestò ad essere punto di riferimento dei contrabbandieri; c’era un mercato trisettimanale dove nottetempo arrivavano merci provenienti da Milano, Bergamo, Brescia e Venezia, gli scambi non soggetti a dazio e gabelle varie fiorivano, ciò che entrava di notte per vie nascoste, usciva al mattino perfettamente a norma con le leggi vigenti al tempo. Commercio ed artigianato erano fiorenti, restano a conferma l’insieme di colonnati che danno vita ai portici sotto le cui volte si svolgeva buona parte dell’attività lavorativa.DSC_0077(cliccando sulla foto si accede alla raccolta di immagini)

Da Recco a Camogli

Dopo quasi un anno son tornato tra Recco e Camogli. Lo scorso anno avevo voglia di mare e mi son fermato sulla costa a gustare la spiaggia e la città con le sue facciate trompe l’oeil. (Cliccare qui per le foto e il post dello scorso anno). Quest’anno invece il percorso tra le due città l’ho effettuato lungo un sentiero che si inerpica con centinaia di gradini e gradoni (761) aggirando il monte Ampola si giunge al monte Caravaggio sormontato da un santuario. CSC_0096

(cliccando sulla foto si accede alla galleria)

Trovare sulla cima di un monte ligure con il toponimo di Caravaggio un Santuario dedicato alla Madonna omonima, è stata una sorpresa. Lo si trova sulla cima, dove nel 1645 fu innalzata prima una grande croce e successivamente una cappella poi ampliata e ultimata nel 1727. Eventi vari videro rovinare la cappella e solo dopo il periodo napoleonico la popolazione del luogo ricostruì il santuario (1838). Al termine della seconda guerra mondiale fu fatto oggetto di diversi atti vandalici ma nel 1985 è stato riportato alla forma attuale. Vi si giunge solo per mulattiera e gradini, ma sono presenti due piattaforme per l’elicottero, visto che una volta all’anno viene celebrata una messa solenne ad opera del Vescovo. 

Digerire anche i chiodi? Pare sia possibile

Milano  murales che decora un cortile privatoDa circa due mesi abbiamo realizzato l’inserimento  della madre di mia moglie nella mia famiglia. Due i motivi che hanno determinato la scelta: l’età con tutti i suoi correlati e il rifiuto di ricorrere all’opera di uno ospizio o, detto in modo elegante, casa di riposo. Subito dopo l’iniziale luna di miele tutta rose e fiori in una nuova abitazione con spazi adeguati, è arrivata la presa di coscienza di una libertà menomata, in cui abitudini consolidate dal tempo vengono meno.

Ogni essere umano crede nella propria indipendenza e ne reclama il diritto d’esercizio, anche quando invecchia e non è più autosufficiente, reclama uno spazio vitale per esprimere i propri pensieri e i propri desideri. Non importa se per far questo ci si ritrova soli, ci si sente comunque in grado di poter gestire e quindi autodeterminare la propria vita, anche se si dipende dal telefono e dalla disponibilità di chi si troverà nel momento del bisogno all’altro capo del cavo.

La popolazione invecchia, invecchiano i genitori ed invecchiano i figli, se i primi hanno quasi 90 anni, i figli ne hanno si e no 30 di meno, non sono certo dei ragazzini e se le generazioni passate potevano contare su un numero cospicuo di figli che si potevano permettere una loro assistenza perpetua, i nuovi sessantenni si ritrovano in uno al massimo due a dover accudire una coppia di longevi genitori. Per assisterli adeguatamente i soli figli non bastano, i servizi Statali sono in ritirata e allora occorre inventarsi qualcosa.

Nel nostro caso un’intuizione e la sua verbalizzazione hanno risolto un problema che rischiava di diventare molto serio. La soluzione però ha generato un altro problema, quello di riuscire a non far sentire l’anziano alla pari di un bambino bisognoso di cure, attenzioni e guida. Ecco quest’ultima cosa è quella che non bisogna fare, non si deve tentare di essere una loro guida, se sono riusciti ad arrivare alla loro veneranda età conservandone la piena coscienza, non c’è nulla che li possa infastidire più di una guida. Se dimenticano di prendere dei farmaci o se abbondano con olio e sale, dopo un paio di volte tutto torna normale, o magari i nostri gusti si risvegliano e si adeguano. Oltretutto non è escluso che l’azione non venga fatta deliberatamente, giusto per saggiare il livello di accettazione che si va instaurando.

Ma che tempo che fa ….

Doveva essere ancche quella di domani una domenica all’aria aperta a macinare sassi e ad ascoltare il silenzio rotto dai fischi delle marmotte, invece no, temporali in vista e tutto viene rinviato, non resta che consolarsi con le immagini raccolte la settimana scorsa tra Schilpario e il Passo Campione.

CSC_0101(Cliccando sulla foto si accede all’album su One Drive)

Cugini di campagna

“Perché si chiamano Cugini di campagna?”. Quando la domanda arriva dalla bocca di un bambino, in una calda giornata d’estate africana non si può dire “ma che te ne frega? mangia e poi dormici su”. No, ai bambini una risposta bisogna darla.

Perché i cugini di campagna si battezzarono artisticamente così? Ecco posta così la domanda stimola di più, bisogna fare una breve cronistoria.  50 e passa anni fa ci fu la chiamata in città di chi faticava in campagna. Certo non tutti vennero via, ma una buona fetta di popolazione si mosse attirata da una vita meno grama (?), meglio retribuita (?), più soddisfacente (?) in città (omissis …)*. Quelli che erano arrivati in città erano molto giovani, erano maschi e femmine e cominciarono a … sposarsi. Dopo un poco nacquero dei bambini e quando arrivava l’estate e c’era un caldo boia come oggi, questi se ne andavano a caccia di fresco in campagna, carovane di 600 con madri, padri e figli, che invadevano le cascine dove erano rimasti i nonni, gli zii e i loro figli: cugini di quelli nati in città. Questi cugini ad un certo punto non avendo di meglio da fare cominciarono a suonare e formarono un’orchestrina che come dice il proverbio del contadino “scarpe grosse e cervello fino” pensarono bene di ricordare ai cugini di città che loro erano i cugini di campagna e che, per un obbligo di parentela, dovevano comprare i loro dischi, e ancora oggi ce li sorbiamo in tutte le salse.

“Ma adesso al posto della campagna ci sta un’autostrada …” Ehhh caro mio, mica possono cambiare il nome in cugini della BREBEMI’, quelli hanno il copyright, accontentati del pedaggio ;)

 Cattura

CAI: Raduno Seniores Lombardia 2015 ai Piani dell’Avaro

Ieri 27 maggio 2015 ai Piani dell’Avaro (mt, 1707) di è svolto il Raduno dei Gruppi Seniores del Club Alpino Italiano. Nella splendida cornice orobica ho scattato qualche foto nel tragitto che ha visto circa 700 persone non in tenera età raggiungere la cima del Monte Avaro (mt. 2085). Tutte le foto sono visibili cliccando sul link sovrastate o sulla foto qui sotto. 132-DSC_0132

Stazioni ferroviarie

02-DSC_0013

Stazione Nord, Stazione Sud, Stazione Est, Stazione Ovest: quattro caselle del Monopoli che chi le possiede tutte può star certo che arriva alla fine del gioco, non da vincitore, ma sicuro protagonista negli scambi e nelle riscossioni.

Una stazione è ferma, non si muove,  staziona per l’appunto, si spostano i treni, le cose e le persone che trasportano,  quel che arriva o che parte si distribuisce da solo lungo i canali del delta della via.

03-DSC_0014

Le stazioni ferroviarie hanno un fascino tutto loro, di giorno sono crogiolo di gente, di sera diventano un punto malinconico al confine delle città. Poca la gente che parte, poca la gente che arriva, ad una cert’ora anche le sale d’attesa chiudono i battenti. Le luci dissolvono il buio mentre i treni come cavalli stanchi di star fermi, sbuffano in attesa che il semaforo segni verde e la luce lampeggiante del capotreno, seguita da uno sventolio di bandierina e un soffio nel fischietto, dia il via alla corsa sui binari. 

08-DSC_0020

La bellezza delle stazioni sta nell’omogeneo periodo della loro realizzazione, nate e cresciute tra il finire dell’800 e gli inizi del ‘900, sono tutte delle vecchie signore luccicanti di luci, molte le ricostruzioni post belliche, qualcuna ha cambiato aspetto, plastiche facciali che non ne hanno cambiato il carattere. 

09-DSC_0021

Ho trascorso parecchio tempo nelle stazioni in attesa della coincidenza tra un treno e l’altro, una grande varietà di persone quella che le popola: fidanzate in attesa, lavoratori e studenti pendolari che arrivano o che partono, mendicanti, perditempo, ferrovieri e agenti della polizia. Alcune categorie sono sparite del tutto: i lucida scarpe, i facchini ed i fotografi.

10-DSC_0022

Ho conosciuto chi in stazione ci andava tutti i giorni per cercare qualcuno, tutti i giorni all’ora in cui arrivava la Freccia del Sud, che era un treno che si formava a Palermo da una parte e Siracusa dall’altra, poi a Messina  la traversata sul traghetto e l’assemblaggio  delle carrozze a Villa San Giovanni formava in un serpente che sembrava infinito. Chi aspettava la freccia del Sole non aspettava nessuno in particolare, gli piaceva mischiarsi alla folla che fluiva verso l’uscita, forse per tentare di sentire in loro ancora il profumo del mare, forse per carpirne le parole e apprendere qualche notizia sfuggita ai giornali, riconoscere quel particolare accento che lo riconducesse all’isola lontana, e ogni tanto incontrare qualcuno che conosceva. Quel contatto annullava la distanza diventando un lago rigene(r)rante.

11-DSC_0023

Servizio d’ordine

Una parte importante nell’organizzare una manifestazione è assunta dal Servizio d’Ordine. Uso il presente perché do per scontato che ancora oggi sia così. Gli incidenti sono sempre in agguato, evitarli è indispensabile se non si vuole lasciare solo una brutta immagine.

Dopo i fatti di Milano del Primo Maggio quale che sia il sottobosco dei black bloc, non si pò non concludere che il Servizio d’Ordine della manifestazione è stato carente, vuoi per ingenuità o inesperienza, vuoi per sottovalutazione del rischio correlato, tanto a pagare è qualcun altro. Dopo i fatti di Genova del 2001 è chiaro che le infiltrazioni di violenti psicopatici nei cortei ne alterano i fini e gli obiettivi siano all’ordine del giorno. Polizia e Carabinieri dovrebbero avere il compito di vigilare, di contenere e di prendere in consegna i facinorosi, gli organizzatori quello di non lasciare che azioni inconsulte sviliscano gli obiettivi. Oggi non sappiamo più il perché ci sia stata la manifestazione di protesta a Milano, rimangono le auto bruciate, le vetrine rotte,  i muri imbrattati le strade sporche. L’obiettivo che si proponevano i black dog, pardon bloc,  era questo ed è stato raggiunto? I più vanitosi per immortalare le loro prodezze si sono fatti l’autoscatto, i meglio addestrati si sono nascosti dietro cortine di fumo all’interno delle quali si sono spogliati di ogni vestito e ogni colpa.

I signori dei b.b. non hanno considerato la reazione della città di Milano, della solidarietà che scatta quando il pericolo incombe, il senso di pulizia che sta seguendo i fatti di due giorni fa non se lo aspettavano proprio, qualcuno alla fine ha sbagliato i conti.

DSC_0271

Gitanti Gioiosi

gite, cultura, fitness.....e molto altro

Psiche Nessuno e Centomila

Blog di psicologia a cura della dott.ssa Annarita Arso

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

Ian Stuart

La fotografia non esiste Esistono le immagini

Pennelli Ribelli

Blog di creatività, pittura sotto varie forme, découpage, cucina e chiacchiere in libertà

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Festival del Pastoralismo - Terre d'Alpe

la città incontra la montagna

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Ventefioca

Camminate, montagne e pensieri sparsi di un "piemontard pressé"

La Audacia de Aquiles

El Mundo Visible es Sólo un Pretexto

My Life

... A little bit of everything ...

On the Go with Lynne

travel memoirs and musings

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Emozioni in immagini

Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde. (A. Baricco)

Cinzia Bassani

"Non dimenticare di vivere con il tuo cuore in mezzo agli uomini per scoprire il Dio che c'è in ciascuno. Tashi Namgyal Gyalpo"

La pagina di Nonnatuttua

Just another WordPress.com site

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

~ gabriella giudici

Une école où la vie s'ennuie n'enseigne que la barbarie

Thoughts... Only Thoughts...

Nel serpente il veleno è nei denti, nella mosca è nel capo, nello scorpione nella coda, nel malvagio in tutto il corpo.

ingaphotography

What I see through my camera

Bente Haarstad Photography

This site is mainly about pictures, from the middle of Norway. Click a picture to read posts.

mariella

Just another WordPress.com site

La disoccupazione ingegna

Sono disoccupata, sto cercando di smettere. Ma non mi svendo

luciabaciocchi

“Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere” Daniel Pennac

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

cucinaincontroluce

il mio mondo in uno scatto

domenica luise

parole dal silenzio e colori dal buio

IL MIO SGUARDO

Frammenti della mia realtà - Come guardo il mondo

~ gabriella giudici

blog trasferito su gabriellagiudici.it

La moleskyne di FarfallaLeggera...nera con il cuore rosso.

nessunaidea

l'angolo di Mauro

supercaliveggie mom

avventure di un('a)tipica famiglia italoamericana in California

Storie di pascolo vagante

Storie di pastorizia nomade, di allevatori, di alpeggio

GIAPPONE FIORITO 日本の花

PICCOLO DIARIO DI VIAGGIO IN GIAPPONE 14 - 30 agosto 2012

Wolfgang M. Präsentiert

Willkommen in unseren Blog.

spinanelcactus

con personalità multiple

lastufaeconomica

un mio spazio per stare con voi

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 389 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: